• 040365343
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Per celebrare il Giorno del Ricordo, il Comune di Vicenza in collaborazione con la Biblioteca Bertoliana, il comitato provinciale dell'Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia (ANVGD), la Prefettura di Vicenza, l'Ufficio Scolastico Territoriale di Vicenza e il Teatro Comunale di Vicenza hanno organizzato un programma di iniziative dal 3 al 12 febbraio.

 

Lunedì 3 febbraio, alle 11, all'ex Collegio Opera Pia Cordellina, in contra' Santa Maria Nova, alla presenza del sindaco Francesco Rucco, si terrà una cerimonia istituzionale con la deposizione di una corona d'alloro sulla lapide in memoria degli esuli giuliano-dalmati. Seguirà un momento di riflessione in ricordo dei 1000 esuli italiani che il 3 febbraio 1947 trovarono rifugio nell'ex Convento di Santa Maria Nova.

 

Giovedì 6 febbraio, alle 17.30, la sala degli Stucchi di Palazzo Trissino ospiterà “Una testimonianza per il Ricordo. Incontro con Abdon Pamich”. Condurrà Alessandro Cuk, giornalista e vicepresidente nazionale dell'Associazione Nazionale Venezia-Giulia e Dalmazia (ANVGD).

 

Domenica 9 febbraio, alle 11, al cimitero maggiore di viale Trieste si terrà una cerimonia istituzionale con deposizione di una corona d'alloro e saranno resi gli onori ai Martiri. Seguiranno i saluti del sindaco Francesco Rucco, e del presidente del Comitato Provinciale di Vicenza dell'Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, Coriolano Fagarazzi. Sarà data lettura, infine, dell'invocazione per le vittime delle Foibe.

 

Lunedì 10 febbraio, alle 11, al Liceo Pigafetta è in programma una cerimonia istituzionale della Prefettura di Vicenza in memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale. Evento in collaborazione con l'Ufficio Scolastico Territoriale di Vicenza.

 

Alle 17.30, nella Sala degli Stucchi di Palazzo Trissino si terrà “Una testimonianza per il Ricordo. Incontro con Piero Luxardo”. Conduce Antonio di Lorenzo, giornalista. Piero Luxardo, professore universitario al Dipartimento di Studi linguistici e letterari dell'Università di Padova, è presidente della Luxardo S.p.A. di Torreglia, una delle distillerie più importanti del Paese, che, nata nel 1821, rischiò la chiusura con lo scoppio della seconda guerra mondiale, quando lo stabilimento fu colpito da pesanti bombardamenti anglo-americani. L'unico dei fratelli superstiti della quarta generazione, Giorgio Luxardo, nel 1947, assieme al giovane Nicolò III, della quinta generazione, costruì lo stabilimento di Torreglia, iniziando così un nuovo capitolo della storia dell'azienda.

 

Martedì 11 febbraio, alle 20, la sala del Ridotto del Teatro Comunale di Vicenza ospiterà “Incontro a teatro con Simone Cristicchi” (evento sold out). Conduce Paolo Rolli. A seguire, alle 20.45, andrà in scena “Esodo”, spettacolo teatrale di e con Simone Cristicchi, Corvino Produzioni. Al Porto Vecchio di Trieste c'è un "luogo della memoria" particolarmente toccante: il Magazzino n. 18. Racconta di una pagina dolorosa della storia d'Italia, di una complessa vicenda del nostro Novecento mai abbastanza conosciuta, e se possibile resa ancora più straziante dal fatto che la sua memoria è stata affidata non a un imponente monumento ma a tante, piccole, umili testimonianze che appartengono alla quotidianità.

 

Mercoledì 12 febbraio, alle 16.30, alla Biblioteca di Laghetto, in via Lago di Fogliano 5, è in programma “Riscopriamo una storia dimenticata”, lettura ad alta voce del libro di Lorella Rotondi-Daria Palotti, "Perchè la notte" (edizioni Secop). A cura di Stefania Pimazzoni, per bambini dai 7 ai 12 anni. Attività gratuita a numero chiuso. È gradita l’iscrizione. Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 0444 578265.

DOMENICA 2 FEBBRAIO 2020

 

Sala Previato - Piazza della Vittoria, ore 16.00

 

Presentazione del libro di Petra Di Laghi - a cura dell’ass. di Promozione Sociale “COMITATO 10 FEBBRAIO”

 

PROFUGHI D’ITALIA.

 

1943-1955, il dramma dei giuliano-dalmati dalle foibe ai centri di raccolta

 

 

 

LUNEDÌ 10 FEBBRAIO 2020

 

Sala Previato - Piazza della Vittoria, ore 21.00

 

Spettacolo teatrale a cura dell’ass. di Promozione Sociale “LA MANIFATTURA”

 

IL CERCHIO

 

°NESSUNO È INNOCENTE°



 

Sabato 8 febbraio alle ore 15 al Parco Fratelli Longoni via Reggio si terrà una solenne commemorazione alla presenza delle Autorità, delle locali Associazioni Combattentistiche e d’Arma e dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia -Comitato di Monza e Brianza. La cerimonia sarà incentrata nell’omaggio alla lapide che ricorda Norma Cossetto, studentessa istriana uccisa dai partigiani jugoslavi nel 1943.

Lunedì 10 febbraio alle ore 11 ne l’Auditorium di piazza Risorgimento verrà proposto lo spettacolo teatrale “Il Sentiero del Padre – viaggio tra i segreti delle foibe carsiche”, scritto ed interpretato da Davide Giandrini, per la regia di Franco Palmieri. La rappresentazione è dedicata principalmente alle scuole di primo e secondo grado, ma è aperta alla partecipazione di tutti coloro che abbiano il desiderio di condividere questo momento di riflessione attraverso il teatro (prenotazione obbligatoria sul sito www.lauditorium.it).

Lo spettacolo è una narrazione che corre leggera, in una forma profonda, intima e commovente. Il protagonista della storia si chiama Francesco. È un bambino di dieci anni. Nato a Pola, in Italia, nel 1936. Sua madre si chiama Maria. Suo padre Gianni fa il ciabattino. Tra il 1945 e il 1947 Pola è occupata dagli slavi. Rapinano, violentano e infoibano gli italiani. Lo Stato non interviene. Molti hanno deciso di scappare. Maria ha deciso di restare. Il padre, di salvare suo figlio. Gianni e il piccolo Francesco fuggono nella notte. Con sé non hanno nulla. Sette giorni di cammino. Nel sentiero del bosco. Per salvarsi. La vita.



 

La Città di Cirié celebra il Giorno del Ricordo 2020 con la proiezione del documentario "Esodo. L'Italia dimenticata" (la cui prima parte è stata proiettata nel 2019 nella stessa occasione) presso la Biblioteca Civica A. Corghi.

Il documentario, a cura dell'Associazione Nazionale Venezia Giulia Dalmazia e Centro Studi Padre Flaminio Rocchi, raccontano la storia delle foibe e dell’Esodo, totalmente dimenticata per oltre 50 anni.
Storia fatta di orrori, di sacrifici e di eroismi di gente semplice, strappata dalle memorie più care di luoghi abitati da secoli da popolazioni italiane. In questi due documentari si ricostruiscono quegli eventi con riprese cinematografiche autentiche e con una serie di testimonianze, ad alto contenuto emozionale, di uomini e donne che quelle vicende hanno vissuto.

La proiezione avrà inizio alle 20.30 presso la Biblioteca Civica a. Corghi.

Ingresso libero e gratuito.

7 febbraio | Auditorium Unimc, Via Padre Matteo Ricci 2, Macerata

 

Tavola rotonda: La tragedia delle Foibe e dell’esodo giuliano-dalmata

ore 10-10,30: saluti delle Autorità

ore 10,30-11,30: spettacolo di radioteatro "Quell’enorme lapide bianca", a cura di Luca Violini

ore 11,30-13,30: testimonianze di Franco Rismondo e Livilla Sivocci e interventi di Giorgio Giannini, Antonio Maria Orecchia, Marco Vigna.

 

In occasione del “Giorno del Ricordo”, lunedì 10 febbraio presso la Biblioteca Mozzi-Borgetti si terrà un incontro con il professor Edoardo Bressani che aprirà una serie di Laboratori che proseguiranno fino alla metà di marzo quando i momenti di approfondimento saranno oggetto di riflessione alla presenza della scrittrice Sandra Dai Prà che, nel suo ultimo racconto Senza salutare nessuno, rievoca una pagina di storia tormentata e mai metabolizzata. La questione istriana, le vicende storico-politiche delle terre irredente, le cause e gli sviluppi della vittoria mutilata, si mescolano, sapientemente, con la memoria familiare e personale.

 

 

Libri, DVD e gadget

Se volete avere libri, DVD e gadget della Lega Nazionale

cliccate QUI 

Ultima novità:

Per un grande amore 

I Giovani della Lega nazionale

 

 

Vuoi partecipare alle nostre attività? Vuoi collaborare con la Lega nazionale? Ha i voglia di portarci le tue idee, di mettere a frutto le tue capacità?

 

carto3pic

 

Il gruppo Giovani (18 ai 35 anni) si incontra

presso la sede di Via Donota 2

scrivici o chiamaci!