IDENTITA’ E NAZIONE – ITALIA E LIBERTA’

Stampa

Il lavoro di Diego Redivo ci propone una accurata ed approfondita analisi della Lega Nazionale, lungo l’arco dei cento e dieci anni della sua storia. Un’opera, la sua, che in qualche modo trova le naturali premesse in un precedente lavoro, quello di Aldo Secco, “In vedetta operosa”, nel quale era stata proposta una cronistoria ricca di fatti, di nomi, di immagini di un secolo di questa associazione(1).

Ma, oltre a questi due autori, altri si sono occupati, con angolazioni più settoriali, di questo argomento: è il caso di Roberto Spazzali e del suo pregevole lavoro sul momento della rifondazione della Lega nel ’46 (2), è il caso del lavoro di Diana De Rosa dedicato alle scuole della Lega Nazionale(3), e delle opere di Aldo Secco (4) e di Alfieri Seri (5). Ed inoltre tutta una serie di altri contributi che, in forma meno diretta e specifica, hanno comunque affrontato aspetti varii della Lega Nazionale.

C’è da chiedersi: come mai tutto questo, come si giustifica questa serie di studi e di lavori su un qualcosa che, alla fin fine, altro non è che una semplice associazione? La realtà vera è che la Lega è certamente una associazione, ma è anche qualcosa di più, un qualcosa di piuttosto diverso. Non è certo un caso che dirigenti ed appartenenti siano usi definirla con il termine, forse un po’ polveroso e vetusto, di “Sodalizio”. Non va dimenticato che questo soggetto, Associazione o Sodalizio che lo si voglia definire, ha coinvolto nel suo operare ben tre secoli: il diciannovesimo, il ventesimo ed ora il ventunesimo. Era stata fondata, la Lega, ai tempi della belle epoque, dei tram a cavallo, dei lumi a petrolio; oggi opera sotto il segno dell’informatica e vanta ovviamente il suo bravo sito su Internet (www.leganazionale.it). Era sorta quando l’Europa era ancora il centro del mondo intero ed il suo assetto politico era stato disegnato al Congresso di Vienna, oggi vive nel mondo globalizzato ed è testimone di quella sorta di quarta guerra mondiale che il fondamentalismo islamico sembra aver promosso contro l’Occidente. E questo lungo, lunghissimo percorso storico della Lega Nazionale si è articolato attraverso un inevitabile, continuo mutamento dei suoi interlocutori, dei suoi avversari, dei suoi rapporti di riferimento con il contesto sociale da cui traeva alimento e sostegno.

Al suo sorgere aveva rappresentato un tipico esempio di quella “religione civile”, attraverso la quale aveva trovato attuazione quella nazionalizzazione delle masse di cui parla Mosse (6); poi si è trovata a confrontarsi con il nascere, il trionfare ed il tramonto delle ideologie; oggi ha di fronte la crisi ed il superamento dello stato nazionale, vuoi in nome di entità sovra statuali (quale è quel tentativo di Europa, che ha per casa Bruxelles) vuoi in nome di una nuova realtà imperiale che a detta di taluni va riconosciuta nell’Impero americano (o meglio – per dirla con Marco Pannella – negli auspicati “Stati Uniti d’America e d’Europa”). Sodalizio o Associazione, certo si tratta di una entità che giustifica il lavoro di approfondimento che Diego Redivo ci propone: fondamentalmente per meglio capire cosa della Lega Nazionale, in questi cento e dieci anni, sia venuto a mutare e cosa viceversa possa essere ravvisato come una sua costante, un quid che permane , una sorta di nocciolo duro che le vicende, i cambiamenti, le trasformazioni non sono riusciti a cancellare e forse neppure ad intaccare.

Per contribuire a tale ricerca, nel tentativo di offrire una risposta a tale quesito, mi permetto suggerire un duplice binomio: “Identità – Nazione” e “Italia –Libertà”. Si tratterà, cioè, di vedere se nel richiamarsi a tali binomi si potranno trovare le ragioni del diverso articolarsi della Lega Nazionale, lungo il non breve arco di tempo che l’ha portata dal 1891 ai giorni nostri.

* * *

(1) Aldo Secco, “In vedetta operosa – Cento anni di storia della Lega Nazionale 1891 –1991”, Ed. Lega Nazionale 1995

(2) Roberto Spazzali, “Contributi di ricerca per una storia della Lega Nazionale – 1946 la ricostituzione” Ed. Triestepress 1986

(3) Diana De Rosa, “Gocce d’inchiostro. Gli asili, scuole, ricreatori, doposcuola della Lega Nazionale. Sezione di Aurisina” Ed. Del Bianco (UD) 2000

(4) Aldo Secco “La Lega Nazionale per i giovani. Breve storia dei suoi istituti educativi e delle sue colonie in cent’anni di vita” Ed. Lega Nazionale 1992

(5) Alfieri Seri, “La Lega Nazionale e i suoi ricreatori” Ed. Lega Nazionale 1971 sui temi delle colonie ed dei Ricreatori della Lega

(6) Gorge L. Mosse “La nazionalizzazione delle masse”, Ed. Il mulino 1975


 

E’ sicuramente il tema dell’identità quello che sta all’origine della Lega Nazionale, quello che motiva il suo sorgere (contrastato) nel lontano 1891. L’identità da esprimere, l’identità da difendere è quella di una comunità, le genti giulie, che riconosce se stessa nell’appartenenza alla nazione italiana. Una auto identificazione che non ha niente di etnico (Trieste, in particolare, è un vero e proprio crogiuolo di etnie), ma è tutta incentrata sul dato rigorosamente culturale, spirituale: qualsivoglia sia la provenienza (Greci, Armeni, Ebrei e così via) ci si sente pienamente e totalmente appartenenti a questa realtà giuliana nel momento in cui si abbraccia, si fa propria la identità nazionale italiana, intesa come cultura, come lingua, come civiltà. L’identificazione nella comunità giuliana avviene dunque per un atto di libera scelta, quello con il quale si assumono i valori, i contenuti della civiltà italiana. E’ insomma un percorso che può così riassumersi: una identità fondata sulla libertà, sulla libera scelta della nazione italiana.

Questa identità, nella seconda metà del XIX secolo, viene avvertita come messa in pericolo, oggetto di gravi attacchi ed a rischio di essere cancellata.

Per capire tale percezione occorre risalire alla situazione dell’Austria dopo la caduta di Napoleone: una entità politica comprensiva di diverse nazionalità, due delle quali hanno però una rilevanza del tutto particolare e cioè quella tedesca e quella italiana. L’impero asburgico comprendeva all’epoca la Lombardia, il Veneto, il Trentino, la Venezia Giulia e la Dalmazia; inoltre più d’uno degli staterelli della penisola ruotava nella sua orbita.(7)

In tale situazione l’essere Italiani nell’Impero non era, non poteva esser in nessun modo penalizzante: perché il Sacro Romano Impero di Vienna ben poteva definirsi ed essere avvertito come una entità italo-germanica.

Poi appare sulla scena l’attivismo politico, diplomatico, militare del piccolo regno di Piemonte (8).

Tale scenario viene modificato radicalmente: l’Impero perde prima la Lombardia, poi anche il Veneto e comunque cessa qualsiasi sua influenza sulla penisola. Nei suoi confini resta ancora una presenza italiana, ma decisamente ridotta (Trentino e Venezia Giulia), oramai quasi residuale. Ne deriva che questi Italiani rimasti sono avvertiti, da Vienna, come una componente infida e minacciosa, in quanto palesemente sensibile ai richiami che possono venire dal nuovo stato italiano.

L’Austria, questa nuova realtà, questo problema politico, sceglie di affrontarlo in termini di machiavellico cinismo: indebolire gli Italiani privilegiando, contro di loro, la presenza slava; così creando un conflitto tra le due etnie per giocare tale carta in funzione dell’interesse dell’Impero.(9)

E’ dunque in tale nuovo contesto che il gruppo etnico italiano, sentendo minacciata la propria identità, avverte la necessità di reagire, per difendere quella sua scelta libera (libera e quindi oltremodo preziosa) di sentirsi, di essere Italiani.

La Lega Nazionale costituì lo strumento primario con cui gli Italiani dell’Impero (a Trieste, come a Trento) risposero alla nuova politica asburgica, mettendo in campo quei mezzi che meglio fossero idonei a tutelare, ad affermare la propria identità. Ecco dunque il ruolo fondamentale, nell’attività della Lega, delle scuole ai più diversi livelli, ma anche quel suo diffuso radicamento nel sociale che trovava manifestazione nelle feste, nei concerti, nella oggettistica e così via (quasi una presenza gramsciana ante litteram) e ancora la costituzione dei diversi ricreatori cittadini ove sottrarre sì i giovani alle strade, ma in qualche modo mettersi anche in concorrenza con le strutture parrocchiali. Perché la Lega Nazionale, è giusto ribadirlo, va sicuramente inquadrata tra i fenomeni di “religione” laica e civile che segnano quell’epoca storica: da ciò una sorta di oggettiva concorrenza e naturale contrasto con gli ambienti e con la mentalità clericali. Ed in proposito non si può neppure trascurare quello che era l’atteggiamento della Chiesa triestina: di certo molto più sensibile alla fedeltà all’Imperatore, che ai sentimenti di italianità della stragrande maggioranza dei suoi fedeli (10).

Queste dunque le caratteristiche della Lega Nazionale nel suo nascere e nel suo operare, con risultati a dir poco eccezionali, in questo primo quarto di secolo della sua esistenza. In realtà, se all’inizio la sua ragion d’essere era la affermazione e la difesa dell’identità nazionale (nel senso di cultura e civiltà italiane), il mutare degli eventi politici sposta progressivamente il baricentro su un tema più nettamente politico : l’irredentismo.

Il termine appartiene ancora alle categorie della religiosità (si parla infatti di”Redenzione”), ma il contenuto è ormai non più culturale, bensì strettamente politico: far sì che queste terre, proprio perchè abitate da genti di nazionalità italiana, passino dalla sovranità di Vienna a quella di Roma.

L’Irredentismo trova il suo coronamento il 24 maggio 1915 con l’inizio dalla guerra all’Austria, proprio per liberare, per “redimere” Trento e Trieste. Saranno un migliaio di giovani giuliano dalmati che attraverseranno clandestinamente il confine, per andare ad arruolarsi volontari nelle file del Regio Esercito italiano, saranno tanti tra loro che sacrificheranno la vita ( ricordiamone alcuni: Nazario Sauro, Guido Corsi, Ruggero Fauro Timeus, Scipio Slataper, Giacomo Venezian, Francesco Rismondo). Erano tutti figli della Lega Nazionale e le loro scelte, i loro eroismi, il loro sacrificio suggellarono, in qualche modo, il senso e la ragion d’essere di questa prima fase del Sodalizio: dalla difesa dell’identità italiana all’obbiettivo del congiungimento pieno con la madre patria, entro l’alveo comune della stato nazionale italiano, quale garanzia di conservazione e di tutela della scelta della identità nazionale italiana.

E’ la fase che si conclude il 23 maggio 1915 quando la teppaglia austriacante assalta la sede della Lega Nazionale (e quella del giornale Il Piccolo) e la dà alle fiamme.

* * *

(7) Città come Milano o come Venezia potevano esser seconde solo alla capitale Vienna. Ed alla corte imperiale l’idioma di Dante era in uso tanto quanto quello di Lutero (la lingua ufficiale dello stato era poi il latino).

(8) Può apparire una curiosità o forse una bizzarria o qualcosa di fors’anche significativo il fatto, nella stessa epoca, alla corte di Torino la lingua d’uso fosse il francese, quanto e più dell’italiano

(9) Il risultato di tale operazione sarà inefficace in termini politici (perché alla fin fine queste terre andranno all’Italia, nel mentre la dinastia asburgica finirà cancellata dalla storia), ma gli effetti risulteranno pesantissimi in termini morali. La scelta di Vienna di far nascere a freddo un conflitto tra etnie (italiani e slavi) che per secoli – ai tempi di Venezia – erano convissute assolutamente in modo pacifico, la scelta “cinica” dell’Imperò sarà pagata dalle popolazioni di queste terre, lungo l’arco dei decenni successivi, con una quantità enorme di sofferenze, di crimini, di eccidi. E basterebbe questa vicenda per cancellare ogni tentazione di ricordo benevolo e nostalgico della Felix Austria.

(10) Un esempio eloquente di tale situazione: a Trieste agli inizi del ‘900, nel censimento tenuto dall’Austria la popolazione si dichiara italiana in percentuali elevatissime, al contempo delle sette parrocchie cittadine solo quella dei salesiani ha sacerdoti italiani, le altre sei hanno tutte parroco sloveno, nel mentre il Vescovo è tedesco. Alla fine della guerra il Vescovo lascerà la sua diocesi ed i suoi fedeli e seguirà a Vienna il suo Imperatore ed il suo governo. Dimostrazione clamorosa di una divaricazione, in atto, tra la Chiesa triestina e la città, divaricazione che verrà ricomposta solo a distanza di molto decenni dalla grande figura, di pastore e di italiano, di mons. Antonio Santin.


 

Finita vittoriosamente la guerra, realizzatosi l’obbiettivo del congiungimento di Trieste e della Venezia Giulia al Regno d’Italia, la Lega Nazionale riprende pienamente la sua attività.

Il contesto in cui viene ora a collocarsi è sostanzialmente diverso da quello del passato. Non c’è più l’Impero austriaco, Stato nemico da cui difendersi, la Chiesa tergestina non è più governata da un presule di nazionalità tedesca, bensì da colui che era stato al vertice dei cappellani militari italiani, il contesto politico e normativo in cui ci si colloca è oramai quello del Regno d’Italia, stato a connotati nazionali che raccoglie la gran parte di coloro che si identificano con la nazione Italia.

Le condizioni, in conclusione, potrebbero apparire quelle ideali, perché la Lega Nazionale possa proseguire a gonfie vele nelle sue attività.

Così viceversa non sarà. Già con l’arrivo del Regno, ancor più con l’avvento del Fascismo lo spazio della Lega subisce un progressivo restringimento: le scuole elementari vengono incorporate nel sistema scolastico pubblico; le altre scuole, cosi come le iniziative di diversa natura (ricreatori, avviamenti professionali, etc.) vengono progressivamente assorbite da altri soggetti, sempre di natura pubblica. Gli stessi contributi statali alla Lega Nazionale vengono progressivamente falcidiati.

La realtà è che ciò che era stata la Lega Nazionale, come libera espressione dell’identità nazionale italiana della genti giulie, non ha più molto spazio nel momento in cui l’italianità è diventata oramai funzione istituzionale della Stato, nel mentre la comunità giuliana risulta (necessariamente?) oggetto di un processo di progressiva omologazione a quella nazionale.

Il combinato disposto del restringersi degli spazi di libera espressione e della avvenuta assunzione statale delle sue finalità determinano, alla fine, il decesso, la chiusura della Lega Nazionale.

Le decisione, tutt’altro che pacifica, viene presa nel 1929 e trova attuazione agli inizi degli anni ’30 con l’auto scioglimento ed il trasferimento ad altri soggetti pubblici del non poco patrimonio immobiliare di cui la Lega era ancora titolare.(11)

Questa decisione va letta come una scelta liberamente voluta, una sorta di consapevole suicidio oppure la Lega Nazionale è stata per così dire “suicidata”, perché messa nelle condizioni necessarie di auto sciogliersi?

Meriterà certamente che qualche storico, più avanti, dedichi la sua attenzione all’approfondimento di tale passaggio. Certo è che quell’atto di auto scioglimento, quella spogliazione dei beni aveva tutte le caratteristiche per apparire come definitivo, tali da far pensare, a chiunque, che la vicenda della Lega Nazionale dovesse ritenersi come ormai giunta a sicura e definitiva conclusione.

 

* * *

 

La storia non conosce i “sempre” e neppure i “mai”: anche nella vicenda della Lega Nazionale il futuro doveva ancora riservare della sorprese.

Ci sarà nuovamente la guerra, ci sarà la caduta del fascismo, ci sarà la divisione dell’Italia ed il suo essere tragicamente attraversata, passo passo, dagli eserciti in guerra.

Trieste, di suo, vivrà il dramma della paventata inclusione nel Reich, delle tragiche quaranta giornate di occupazione jugoslava e della successiva occupazione alleata. Una volta di più, il destino della città di San Giusto risulterà diverso da quello del resto d’Italia. La guerra nel capoluogo giuliano finirà infatti ben nove anni più tardi (vale a dire nel 1954) rispetto al restante territorio nazionale, perché solo allora verrà a cessare l’occupazione militare di forze straniere.

In questo contesto la Lega Nazionale ricompare sulla scena della Venezia Giulia e lo fa da protagonista, da soggetto primario delle nuove vicende politico-sociali.

Già nel ’45 si discute di una sua ricostituzione, ma è nel ’46 che ciò si realizza, con quello storico manifesto che vede la sottoscrizione di firme le più autorevoli, di una serie di personaggi che sono espressione di posizioni politiche anche lontanissime.(12)

Questa rifondazione della Lega Nazionale ha sicuramente il suo momento di riferimento in quello storico passaggio vissuto, da Trieste, tra il 30 aprile ed il primo maggio 1945. In quella occasione Trieste si trovò a sperimentare, nel giro di poche ore, la fine della seconda guerra mondiale e l’inizio della terza (quella che si concluderà nel 1989). Nel resto d’Italia, nel resto d’Europa, nel resto del mondo ancora non lo si sapeva, si ancora era fermamente convinti che da un lato ci fossero il nazismo ed il fascismo (e con essi la Germania e l’Italia) gravati dalla disfatta e dall’altro Urss ed Usa, Francia ed Inghilterra accumunati dalla vittoria e dal compito di doversi spartire l’universo mondo e di accingersi a governarlo per un futuro, più o meno lungo.

Il futuro, viceversa, sarà di tutt’altro genere, sarà quello della cosiddetta “guerra fredda” nella quale i quattro vincitori della seconda guerra mondiale si troveranno in due schieramenti contrapposti: Unione Sovietica, da un lato, USA, Inghilterra e Francia dall’altro. Per i successivi decenni questi due schieramenti si confronteranno, si contenderanno il controllo del pianeta, si terranno reciprocamente sotto la minaccia letale dello scontro atomico.

Trieste tutto ciò sarà in grado di percepirlo già nel passaggio da quello storico trenta aprile 1945 a quel parimenti storico 1 maggio 1945, quando i “liberatori” titini si paleseranno immediatamente come nemici dei partigiani del C.L.N. di don Marzari (che pure il giorno prima avevano liberato la città dai Tedeschi), tanto quanto di tutti coloro che comunque non fossero Comunisti.

Don Edoardo Marzari: il quale sempre più chiaramente viene riconosciuto come figura centrale di quel momento storico, colui che – già presidente del Comitato di Liberazione Nazionale – avrà un ruolo determinante nel voler ricostruire la Lega Nazionale, per dare vita con essa ad una strumento che fosse idoneo a fronteggiare la nuova situazione triestina, quella cioè già inserita negli schemi della guerra fredda.

Nel nuovo scontro politico, quello della terza guerra mondiale, tra rivoluzione (lo schieramento comunista, che guardava ad Oriente) e libertà (lo schieramento democratico che guardava ad Occidente) la Lega Nazionale venne concepita come il soggetto che, al di là dei singoli partiti di appartenenza, doveva raccogliere e mobilitare tutti coloro che - in nome della libertà e dell’Italia - intendevano opporsi allo schieramento contrapposto, quello slavo-comunista.

Il successo clamoroso della ricostituita Lega (centinaia di migliaia di adesioni in pochissimo tempo) sta a dimostrare la giustezza dell’ intuizione di chi volle recuperare, dal passato, questa istituzione, di chi intuì che proprio nel passato della Lega erano già presenti quei due contenuti (libertà ed italianità) che nel secondo dopoguerra triestino andavano a costituire il motivo coagulante per la maggioranza della popolazione.

La Lega Nazionale, dunque, ricostituita quale espressione di quel “partito italiano” che sarà chiamato a contrastare il pericolo, vero e reale, delle pretese espansioniste di Belgrado. Sarà questo, in qualche modo, l’incubo che per quasi un decennio peserà su Trieste e sui Triestini: quello che i quaranta giorni di occupazione titina potessero ripetersi, il timore costante che qunato che stava succedendo in terra d’Istria potesse accadere anche all’ombra di san Giusto.

La garanzia più sicura, contro tale eventualità, venne vista nella prospettiva , nella speranza del ricongiungimento di Trieste allo Stato italiano. E questa costituì la domanda forte, la richiesta continua della Lega e di tutte le forze politiche riconducibili al partito italiano, l’appello rivolto ai consessi nazionali ed a quelli internazionali.

Fino a quando lo schema rimane quello tipico della guerra fredda (Oriente contro Occidente) è chiaro che l’appoggio arriva dai paesi occidentali, nel mentre Tito trova nell’URSS il suo sostegno. Ed è questo il contesto nel quale viene emanata la “Nota tripartita” del 20 marzo 1948, con la quale le tre potenze occidentali promettono la restituzione all’Italia, non solo di Trieste, ma anche della Zona B.

Quando però le evoluzioni del Maresciallo di Belgrado vanno a modificare gli scenari, anche la questione triestina rischia di prendere strade diverse. La pregevole relazione del prof. De Robertis , al convegno promosso dal Comune di Trieste sui fatti del ’53, ha fornito ampia documentazione di come il vento delle diplomazie, anche a Londra, anche a Washington, rischiasse di cambiare direzione e di iniziare a spirare in senso contrario ai desideri, alla volontà di quella stragrande maggioranza di triestini, quelli che si ritrovavano nel partito italiano, che si identificavano con la Lega Nazionale, che aspiravano con tutto il cuore al ricongiungersi con l’Italia.

Le Lega, in questa fase, risponde pienamente al suo ruolo di mobilitazione. Organizza manifestazioni, promuove cerimonie, mantiene sempre viva la sua presenza, il suo radicamento sociale (le colonie, il ricreatoria, l’assistenza scolastica, i libri in comodato e così via). Continua, in definiva, a raccogliere e mobilitare i Triestini che si ritrovano nel binomio “Italia e libertà”.

Quando poi si tratterà di giocare la partita decisiva, di “costringere” cioè Stati Uniti ed Inghilterra a rispettare le promesse, prima che si accingano a rimangiarsele, a quel punto la Lega Nazionale, e con essa la città tutta, saprà dare testimonianza adeguata: i martiri del novembre ’53 (tutti soci della Lega), le centinaia di feriti, di arrestati, di esiliati a seguito di quel novembre di sangue saranno la premessa necessaria perché l’incubo del ritorno dei titini possa definitivamente svanire, perché la guerra posso finalmente finire anche a Trieste, perché Trieste ritorni all’Italia e perché l’Italia ritorni a Trieste.

E quello storico 26 ottobre del 1954 segnerà sicuramente un momento di trionfo per la Lega Nazionale: sarà in qualche modo un ripetersi di ciò che avvenne con la prima Redenzione, quella del 1918.

Le finalità della Lega Nazionale, italianità e libertà, trovano in quel 26 ottobre la loro piena realizzazione.

 

***

 

(11) Tali beni verranno distribuiti tra l’Opera Nazionale Balilla e l’Ente Italia Redenta.

(12) Tale argomento viene analizzato nel saggio di Piero Del Bello “1946: Risorge la Lega Nazionale”, che viene proposto in appendice al presente volume


 

La seconda Redenzione di Trieste pone la Lega Nazionale di fronte ad una situazione per qualche verso analoga a quella verificatasi dopo il 4 novembre 1918. Di comune c’è, in entrambe la situazioni, l’avvenuto raggiungimento degli obbiettivi primari del Sodalizio: il congiungimento di Trieste alla Stato italiano e, conseguentemente, la fine della minaccia austriaca nel ’18 e lo svanire dell’incubo titino nel ’54.

Ma una qualche analogia è riscontrabile anche su un altro versante: sicuramente già con il Fascismo si era posto un problema di una diversa sensibilità centrale nell’interpretare l’identità giuliana (problema che forse è stato all’origine dello stesso scioglimento della Lega); dopo il ’54 questa problematica si ripropone, anche se in tutt’altra prospettiva: non più nei confronti del potere centrale, bensì in riferimento a quello locale.

Occorre ricordare la situazione politica triestina di allora. Il partito di maggioranza relativa (la DC ) era stato decisamente schierato, in tutto il dopoguerra, tra le forze del cosiddetto “partito italiano”; quello cioè di cui la Lega , dai tempi della sua rifondazione ad opera di don Marzari, era l’espressione e lo strumento più diretto ed esplicito. La Democrazia Cristiana aveva anzi costituito il fulcro di tale schieramento ed il tramite fondamentale per tutto il lavoro di collegamento con il Governo di Roma.

Figura simbolo di questo partito, ma al contempo di tutto il “partito italiano”, era stato Gianni Bartoli, il sindaco della seconda Redenzione. Accanto a lui, nello stesso partito, una serie di esponenti che ne condividevano obbiettivi, sensibilità e valori (Romano, Pecorari, Visintin e tanti altri).

Le vicende interne di quel partito portano però ad un drastico cambio della guardia: i cosidetti notabili (Bartoli e gli altri) vengono scalzati; al loro posto appare un nuovo gruppo dirigente, si parlerà inizialmente dei “giovani turchi”, poi dopo il Congresso di Firenze del ’59 troveranno la loro etichetta definitiva, cioè quella di “morotei”.

Saranno loro a controllare il partito (ed in breve tutta la città) per diversi decenni. Lo faranno su una linea politica per un verso di maggiore attenzione verso le sinistre, per un altro di esplicita rottura con quella che era stata la tradizione “liberal-nazionale”. Questo secondo elemento sarà vissuto con maggiore lucidità e consapevolezza da qualche esponente di spicco della nuova dirigenza: quasi un regolamento dei conti con la Storia, una sorta di nemesi in nome dei clericali e degli austriacanti, sconfitti nel ’15 proprio dalla Lega Nazionale. Sarà in questa visuale che si andrà a riproporre, a tavolino, una mittel-europa del tutto estranea dalla cultura ed al sentire della città, una nostalgia dell’Austria che farà inorridire chi l’Austria ancora può ricordarsela, sarà sempre in questa prospettiva che si vorranno dedicare studi, onori e rievocazioni alla figura di mons. Fogar, visto e proposto come figura alternativa a quella del suo successore mons. Santin. In definitiva una scelta di “liberare” Trieste da quelle sue “anomalie” che fossero riconducibili al passato liberal-nazionale (13)

Questa scelta politico culturale dei “morotei” di demonizzazione della tradizione “liberal-nazionale” andava necessariamente a collidere con quella funzione specifica rivendicata dalla Lega Nazionale di farsi custode dell’identità giuliana e quindi in primo luogo dello spirito e della tradizione rigorosamente anti asburgica dei primi venticinque anni del Sodalizio.

Quanto all’aspetto, meno culturale e più propriamente politico, dell’apertura alle sinistre, questo veniva poi a collidere con quella che era stata la vicenda del secondo dopoguerra, giacchè quelle sinistre a cui ci si rivolgeva altro non erano che componenti del cosiddetto schieramento slavo-comunista che, fino al 26 ottobre 1954, era stato visto (e non a torto) come la quinta colonna delle mire del maresciallo Tito.

A ciò si aggiunga una scelta a dir poco provocatoria: l’apertura a sinistra doveva attuarsi con l’insediamento al Comune di Trieste di un assessore slavo- titino.

Sulla vicenda Hresciak (il nome dell’assessore in questione) ci fu uno scontro durissimo, tra la Lega e la dirigenza morotea . Quest’ultima giunse a deliberare l’incompatibilità tra la presenza nella DC e nella Lega Nazionale (l’incompatibilità poi fu limitata a ruoli dirigenti). Il tutto non solo ignorando i pregressi strettissimi rapporti (da don Marzari in avanti), ma anche infischiandosene del fatto che, nella sua opposizione all’operazione Hresciak, la Lega Nazionale fosse in piena ed assolutamente esplicita sintonia con il vescovo Mons. Santin (il settimanale Vita Nuova, fu in prima linea in questa battaglia).

Alla fine la linea morotea passò e, per la Lega Nazionale, la sconfitta fu esplicita e pesantissima. Si ritrovò in larga misura isolata, inchiodata dalle accuse di estremismo politico (con possibilità di riferirsi ai soli partiti di destra) e di anacronismo storico-culturale, nel suo richiamarsi a quella identità giuliana di cui era stata interprete fin dal 1891.

La politica morotea, nel suo lucido progetto, dopo la vittoria sul liberal-nazionalismo nella vicenda Hreshiak, volle completare il quadro, proseguire nella “normalizzazione” della realtà triestina: far scomparire dalla scena politica anche quel tema dell’Istria, che continuava ad essere fonte di nostalgie, motivo di rimpianti, occasione per ripensare ad una Trieste, ad una Venezia Giulia più consone ai Gianni Bartoli che ai Guido Botteri (14)

Lo strumento per questa operazione, definibile come il voler porre la pietra tombale sulla questione Istria, doveva essere il Trattato di Osimo. Con tale atto ogni questione veniva chiusa e definita; in primis quella della cessione della sovranità sulla Zona B alla Jugoslavia (15).

Apparentemente la situazione politica e di pubblica opinione della città appariva non presentare rischi, per tale operazione dei morotei. Poi si verificò l’imprevisto: una scelta editoriale de Il Piccolo, l’animarsi della associazioni degli esuli e, con esse, delle Lega Nazionale, ma soprattutto quella vampata di passione, quella fiammata di rabbia che improvvisamente animò tanta parte dei Triestini: Osimo diventò sinonimo di vergogna e di ignominia, la classe politica che lo aveva sostenuto (bollata con l’infamante titolo di “osimante”) si trovò travolta dal verdetto delle urne che portò una sorta di sconvolgimento tellurico, dopo il quale niente fu come prima. Iniziò, con tale atto, quella nuova fase politica che vide la Lista per Trieste come protagonista.

La Lista non solo fu immediata interlocutrice della Lega Nazionale, ma si dichiarò esplicitamente continuatrice ed erede di quella tradizione “liberal-nazionale” di cui, per tutto il periodo del sistema moroteo, la Lega Nazionale era stata pressoché l’unica custode e tutrice.(16)

La vicenda Osimo, i riaprirsi del sistema politico triestino, l’offuscamento del “sistema moroteo” costituirono per la Lega Nazionale una sorta di bilanciamento, di compensazione di quella che era stata la durissima sconfitta sul caso Hresciak.

Il collegamento con le forze politiche, e quindi con la pubblica opinione, prese dunque un corso diverso.

Due esempi possono dare la misura di tutto ciò: negli anni successivi la Lega Nazionale ebbe diversi dirigenti e addirittura un Vice Presidente (il sen. Arduino Agnelli) provenienti da quel partito (il PSI) che era stato quello di appartenenza di Hreshiak; ancora, quella DC che aveva dichiarata l’incompatibiltà con la Lega Nazionale si trovò a candidare alla Camera (quale indipendente) lo stesso presidente in carica della Lega.

Il tutto a dimostrazione palese di come le condizioni di isolamento del dopo Hreshiak fossero decisamente superate e cancellate.

 

* * *

 

In tale nuova situazione, nella quale la Lega ha recuperato il suo ruolo di interprete di almeno parte della identità giuliana, quali gli ambiti, quali i compiti di sua spettanza? Riaffermare, senza alterigia, ma senza complessi, tutto la sua lunga tradizione, il suo esser stata interprete dell’identità vera di queste genti, il suo ricordare le vicende che hanno lasciato un segno vivo nella storia di queste terre.(17)

In conclusione, l’impegno di continuare a ribadire ed a testimoniare il fondamento di quella scelta che sta alla base dell’identità delle genti giulie: libertà e nazione italiana.

 

* * *

E si arriva così al 1989, al tracollo del Comunismo, ed al successivo sconvolgimento di tanti scenari.

C’è la decomposizione (nel sangue e negli orrori) della Jugoslavia, la nascita di nuovi stati (Slovenia e Croazia) ed il loro percorso europeo; per la situazione politica italiana c’è lo sconquasso di mani pulite, il nuovo assetto bipolare, il crescente coinvolgimento, del nostro paese, nei vincoli della dimensione europea.

Tutto ciò per la Lega Nazionale ha significato sicuramente l’apertura di nuove prospettive (ad esempio è ancora tutta da articolare la scelta di “portare l’italianità in terra d’Istria, di Fiume e di Dalmazia”), ma anche la rottura di predenti steccati (esponenti di quello che fu il Comunismo sono oramai pacifici e proficui interlocutori della Lega e fu una Giunta regionale guidata da un ex comunista – il Presidente Travanut - ad intervenire in maniera significativa per fronteggiare passate difficoltà finanziarie del Sodalizio(18)

Al di là di tutto questo c’è una tematica di fondo che sempre più è destinata a coinvolgere la Lega Nazionale, nel futuro che si prospetta.
Diego Redivo lo indica chiaramente, a conclusione del suo lavoro: il tema della nazione.

La fine del Comunismo ha sicuramente palesato come, al di là delle ideologie, il dato nazionale abbia dimostrato una vitalità forte e sia destinato a pesare nella realtà politica, presente e futura del continente europeo.

Contrariamente a passate previsioni, quella delle nazioni appare inoltre una realtà capace di sopravvivere anche all’eclissi degli stati nazionali: la nazione è viva e vitale, anche senza il supporto di uno Stato che con essa si identifichi

L’identità nazionale, il sentirsi parte di una realtà più ampia che superi i limiti della geografia e della storia, continua ad essere avvertita come un elemento irrinunciabile della nostra stessa identità personale.

Negli Stati Uniti il cittadino del Texas sente l’orgoglio della sua appartenenza texana e, proprio grazie a questo orgoglio, sente quello dell’essere cittadino USA. L’Europa, quella che ha casa a Bruxelles, manca tutt’ora di un’anima anche perché incapace di essere nazione. Potrà colmare tale vuoto solo se ciascuno porterà, in quella casa, il proprio essere italiano o francese, polacco o spagnolo. Se così non sarà Bruxelles resterà abitata – come lo è tutt’ora – solo da ottusi burocrati e da miopi banchieri.

Tutto questo per dire una sola cosa: il tema della nazione è uno di quelli che, come pochi altri, appartiene sia al presente che al futuro e con il quale ciascuno sarà chiamato a confrontarsi.

E per la Lega Nazionale proporre, approfondire, divulgare il tema “NAZIONE – IDENTITA’” significherà semplicemente restare fedele ad uno di quei binomi in cui vanno ravvisate le sue ragioni fondanti, uno dei filoni della sua sostanziale continuità: da quando venne costituita, in quel lontano 1891, che appartiene ormai a tre secoli or sono, fino ai giorni nostri, ormai incardinati nel nuovo millennio

 

Paolo Sardos Albertini

 

* * *

 

(13) Forse espressione di tale stato d’animo lo slogan con cui la DC morotea triestina affrontò una campagna elettorale: “TRIESTE NON E’ UN’ISOLA”. Episodio significatvo se si pensa che non molto tempo dopo proprio nella realtà triestina esploderà il fenomeno del “municipalismo”.

(14) Il dr. Guido Botteri, già dirigente della RAI, rappresenta una figura di spicco del gruppo moroteo, per un certo periodo anche Segretario del partito, comunque intellettuale di ampio respiro storico culturale e politico estremamente lucido: anche nell’individuare la Lega Nazionale come il nemico “liberal-nazionale” da abbattere. Qualcuno osservò che le sue origini trentine, e non giuliane, possono forse dare regione di questo voler vendicare i clericali autriacanti, sconfitti nel 1915. Ma queste sono valutazioni personali che meritano minima attenzione .

(15) E’ curioso che quegli stessi ambienti che hanno voluto e difeso Osimo avessero in precedenza sostenuto a spada tratta che tale cessione già sarebbe stata attuata con il Memorandum di Londra del ’54. Ma se così fosse stato che bisogno c’era del Trattato di Osimo?

(16) I collegamenti personali tra dirigenza della Lista e dirigenza della Lega sono stati innumerevoli. Bastino solo due nomi: il compianto Alfieri Seri, che della Lega fu anche presidente, ed il battagliero Gianfranco Gambasssini la cui fedeltà quale dirigente della Lega costituì sempre motivo di esempio

(17) Rientra in ciò l’azione svolta per far emergere la tragedia “rimossa” delle Foibe. Attraverso lo strumento del “Comitato Martiri delle Foibe” venne progressivamente realizzato un coinvolgimento delle istituzioni – fino al Capo dello Stato – nelle cerimonie al Sacrario di Basovizza. Il tutto ha trovato coronamento in quella “ giornata della memoria”, recentemente istituita dal Parlamento nazionale, su proposta dal triestino Roberto Menia, non a caso un vero e proprio “figlio della Lega”. Analogo impegno, di conservazione della memoria storico-patriotica, la Lega lo esplicò cu altri temi: il martirio di Guglielmo Oberdan, l’annuale omaggio agli studenti del Liceo Dante Alighieri, caduti per la patria, il ricordo dei Triestini trucidati dal piombo titino nel ‘45 in via Imbriani e, non ultimo, quelli dei caduti del 5 e 6 novembre 1953, dei quali per non pochi anni solo la Lega Nazionale parve conservare memoria.

(18) Delle volte c’è da restare ammirati per quella sorta di senso dell’umorismo che la Storia sembra manifestare: la riduzione dei contributi pubblici ai tempi di Mussolini giocò non poco nello scioglimento della Lega; di contro un intervento significativo di un Presidente Regionale ex Pci rese di fatto possibile il sopravvivere della Lega stessa.