sez. di Gorizia: Attività in programma per il 2010

Stampa
Lunedì 8 febbraio presso l’Auditorium di Gorizia il prof. Roberto Spazzali ,la prof.ssa Maria Grazia Ziberna ed il Presidente Rodolfo Ziberna illustreranno ad alcune centinaia di studenti le vicende dell’esodo.

Mercoledì 10 febbraio avrà luogo, presso l’Auditorium di Via Roma ed in collaborazione con la Prefettura ed il Comune di Gorizia, la celebrazione del Giorno del Ricordo dell’esodo e della tragedia delle foibe con una introduzione del Presidente cui farà seguito l’esibizione del famoso Coro “Ars Musica”, diretto dal M.° L. Rapaccioli, che eseguirà canti istriani nell’ elaborazione del Maestro Sofianopulo della Cappella Civica di Trieste. Inoltre avrà luogo la cerimonia, organizzata insieme alla Prefettura, nel corso della quale verranno conferiti dal Prefetto i riconoscimenti ai discendenti delle vittime delle foibe.

Sempre il 10 febbraio sarà inaugurata, presso la Galleria Dora Bassi di Via Roma (Auditorium), una mostra di venti pannelli sulla drammatica storia del confine orientale, allestita in collaborazione con l’Associazione “Silentes Loquimur”.

Nella stessa giornata sono previste cerimonie presso l’Ara Pacis di Medea, Grado, Ronchi dei Legionari, Cormons.

Sabato 13 febbraio, sempre all’Auditorium di Via Roma, avrà luogo un convegno sul confine orientale –promosso in collaborazione con l’Associazione “Silentes Loquimur”- nel corso del quale saranno presentati in prima nazionale i quattro libri scritti da Marco Pirina ed editi da “Silentes Loquimur” in cui sono riportati 6.500 nomi di vittime delle foibe, accertati da almeno due fonti, unitamente al libro edito dall’ANVGD di Gorizia sul confine orientale nei verbali del partito comunista yugoslavo.

A febbraio presenteremo il “Dizionario enciclopedico dei giuliani, fiumani e dalmati”, edito dal Comitato provinciale di Gorizia dell’ANVGD, in cui trovano citazione più o meno approfondita tutti quei personaggi espressi negli ultimi secoli da Gorizia, Trieste, l’Istria, Fiume e Dalmazia, che hanno eccelso nelle arti, professioni, imprenditoria, cultura, musica, politica, che appartengono al patrimonio nazionale.

A maggio invece presenteremo i “Racconti nel piatto”: 2 dvd sul recupero della cultura e tradizione gastronomica istriana attraverso le testimonianze degli esuli, edito dall’Anvgd di Gorizia

Dal 14 al 15 maggio avrà luogo il raduno degli ex allievi del collegio convitto “ Fabio Filzi” di Gorizia. Esiste già una loro associazione “Ierimodelfilzi” ed il nostro Comitato provinciale sta collaborando assai fattivamente per pubblicare un libro di 128 pagine sul collegio, allestire una mostra di 25 pannelli nell’atrio del Comune di Gorizia, allestire una personale di grafica e pittura di tre ex filzini (tra cui Tarticchio) nella Biblioteca Statale Isontina, una esposizione dell’editoria di ex filzini presso la Libreria Editrice Goriziana ed una serie di rappresentazioni cinematografiche con attori, registi o sceneggiatori ex Filzi.

A maggio o giugno verrà allestita a Gorizia la mostra realizzata dalla Lega Nazionale di Trieste (Casa Madre) sui 100 di attività di propaganda, con manifesti, lettere, cartoline, ecc, per un totale di circa 30 pannelli e materiale suddiviso in 4 bacheche.

Proseguiranno le visite guidate in Istria: in maggio a Pola e dal 19 al 26 giugno una settimana a Lussinpiccolo; una domenica di ottobre nell’interno dell’Istria, ed infine il Capodanno ad Abbazia.

Altre conferenze e presentazioni di libri nel corso di tutto l’anno verranno segnalate a mezzo stampa o inviti, compatibilmente con le nostre modeste risorse.

Insieme al Comitato provinciale dell’ANVGD di Gorizia celebreremo il 27 marzo con una manifestazione pubblica, per ricordare le grandi manifestazioni di italianità del marzo ’47; il 3 maggio insieme anche al Comitato congiunti dei deportati in Yugoslavia saremo davanti al Lapidario a ricordare il dramma degli oltre 650 goriziani sottratti, dai partigiani titini a guerra finita, alle loro famiglie, mentre il 16 settembre celebreremo la seconda Redenzione di Gorizia al Parco della Rimembranza.

Continuerà la preziosa opera di consulenza, assistenza ed informazione svolta a beneficio dei discendenti degli infoibati, che possono richiedere detto riconoscimento al Governo nazionale, unitamente ad una medaglia. Questa opera viene svolta presso i locali della sede, che rimarranno aperti al pubblico almeno due volte la settimana.

La sede rimarrà aperta anche per la lettura dei testi in consultazione, offerta particolarmente apprezzata soprattutto da studenti universitari.

Si continueranno a distribuire le videocassette alle associazioni o comunità che ne faranno richiesta e, in versione betacam, alle emittenti televisive del Nord Est, al fine di promuovere Gorizia e la sua cultura. A tal fine si commissioneranno le videocassette necessarie.