• 040365343
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tutte le informazioni sulla Lega Nazionale

Le attività svolte e proposte dalla Lega Nazionale sono molteplici: dalla divulgazione culturale e storica, con l'organizzazione di convegni e conferenze, l'edizione di libri ed opuscoli, l'aggiornamento cosante dei nostri siti, all'affiancamento alle famiglie nell'educazione all'italianità e all'identità nazionale dei giovani e giovanissimi con il doposcuola, i centri estivi ed invernali, e svariati corsi formativi. In queste pagine presentiamo le attività in corso e quelle in via di allestimento.

Potete ritirare presso la nostra sede di Trieste, o ricevere via posta, libri, videocassette, cartoline. La distribuzione è gratuita, vi chiediamo solo un contributo minimo a copertura delle spese che abbiamo sostenuto per la realizzazione del materiale e di quelle postali.

le Sezioni e Delegazioni della Lega Nazionale

LA SEZIONE DI GORIZIA

Si rammenta che la sede è aperta al pubblico il martedì dalle 10.00 alle 12.00 e il giovedì dalle 15.00 alle 17.00, e che abbiamo ripreso l'assistenza per gli indennizzi dei beni abbandonati e che forniamo assistenza ai discendenti dei deportati ed infoibati per presentare l'istanza di concessione del previsto riconoscimento (legge 92/2004).

Si raccomanda, infine, di rinnovare l'iscrizione e di portare nuovi Amici alla LEGA NAZIONALE, con le seguenti quote: € 10,00 per il capo famiglia ed € 5,00 per ciascun familiare. Potete versare l'importo sul c/c postale n. 46206835 intestato alla Lega Nazionale.

Lega Nazionale sezione di Gorizia

via Rossini 15 - Gorizia

Tel/Fax: 0481 30630 - Cel. 3356893239 - FB: Lega Nazionale Gorizia

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Presidente : Luca Urizio

Dopo il 2001 molte cose sono cambiate nella nostra regione e in Italia : per esempio si può parlare di foibe e dell'esodo degl'Italiani dall'Istria, da Fiume e dalla Dalmazia senza passare per fascisti, si può parlare della storia del confine orientale e della sua italianità anche nelle scuole e nelle università dove dalla fine dell'ultima guerra mondiale fino a pochi anni fa un'unica parte politica ha dominato condizionando la cultura e i libri di testo.

Tuttavia non tutto è cambiato in positivo col nuovo secolo: il Parlamento ha approvato una legge di tutela della lingua slovena che crea vere e proprie situazioni di privilegio tra i cittadini italiani favorendo solo la componente slovena e oscurando gli altri gruppi linguistici più numerosi nella regione Friuli-Venezia Giulia.
I sostenitori di questa legge hanno subito approfittato per condurre una vasta campagna di slovenizzazione non solo a Trieste, e in tutta la provincia di Gorizia, ma anche nel Friuli centrale tentando di far entrare Cividale nella zona di tutela dello sloveno.

Tutti sanno che Cividale è l'antica Forum Iulii, la città che ha dato il nome al Friuli e alle genti giulie, la " città orientale " dei Longobardi, nonché la capitale morale dei Friulani.
Nell'area di tutela di questa legge sulla lingua slovena (la 38/01) sono cadute anche le Valli di Resia, del Torre e del Natisone dove da secoli vivono genti slave che nulla hanno a che fare con gli Sloveni attuali ; con le " Valli " stavano per cadere anche Gemona, Montenars, Pontebba e Tarcento.

Chiaramente nella provincia di Udine non tutti potevano restare inerti a subire queste ingiustizie etniche ai danni dei proprî paesi e delle proprie città. Per questo motivo un gruppo di studenti e d'intellettuali udinesi hanno chiesto alla Lega Nazionale di Trieste di aprire una delegazione in provincia di Udine.

A Belluno la Lega Nazionale è sorta nel settembre del 2005 e ha già al suo attivo una conferenza di presentazione – tenutasi il 14 novembre 2005 presso l’Aula Magna del Liceo Classico “Tiziano” – del volume dello storico Diego Redivo sulle vicende della Lega dalla fondazione sino ai giorni nostri. Inoltre, dal 10 al 18 febbraio 2006., la Lega Nazionale ha organizzato presso l’Auditorium di Belluno, insieme con il Comune del capoluogo, la mostra fotografica “40 giorni” sull’occupazione jugoslava di Trieste nel maggio giugno 1945, aperta e chiusa da due conferenze di approfondimento storico sui dolorosi eventi oggetto dell’esposizione. Nel maggio 2006 si è svolta a cura del sodalizio una affollata conferenza sul romanzo “Il Codice da Vinci” tenuta dal prof. Mariano Bizzarri. A ottobre dello stesso anno è stato ricordato, d’intesa e in collaborazione con il Comitato di Belluno dell’Istituto per la Storia del Risorgimento, il 140º anniversario dell’unione della provincia di Belluno al Regno d’Italia con un intervento dello storico Achille Ragazzoni. Il 2007 vede la delegazione bellunese della Lega Nazionale in prima fila nelle celebrazioni della Giornata del Ricordo delle Foibe e dell’Esodo.

 

sede : via Caffi 20 - Belluno Tel. 320 0504334

Email : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Coordinatore : Francesco Demattè

 

 

Che cosa vogliamo

• Tenere sempre vivo il ricordo del dramma delle Foibe e dell’Esodo dei nostri connazionali fiumani, istriani, giuliani e dalmati.

• Contribuire a conservare e a risvegliare il sentimento di identità nazionale e di appartenenza alla comune Patria italiana

• Portare alla luce le affinità spirituali e culturali che da sempre legano le genti venete al resto del popolo italiano nella comune discendenza dalla civiltà di Roma.

• Proporre ogni iniziativa tesa a raggiungere la pacificazione tra gli Italiani.

 

[il pieghevole della delegazione]

Gocce d'inchiostro: il doposcuola e centro didattico della Lega nazionale

 

http://www.goccedinchiostro.it

Brevi schede pensate per chi non conosce e vuole iniziare a capire la storia di Trieste e della Venezia Giulia

Il quadro normativo relativo alle vicende storiche della Venezia Giulia, dell'Esodo, del bilinguismo

Pseudo e sedicenti storici scrivono libri e parlano a conferenze giustificando e anche negando le stragi delle Foibe e l'Esodo di Istriani, Fiumani e Dalmati: sono i negazionisti trinariciuti, già sbugiardati dalla Storia, non si rassegnano alla Caduta del Muro di Berlino, rimpiangendo quelle repubbliche pseudo e sedicenti democratiche, per nostra fortuna mai instaurate in Italia.

A Trieste il 5 e 6 novembre 1953 sono caduti sotto il fuoco dell'esercito di occupazione alleato gli ultimi martiri per l'Italia.

 

A oltre 50 anni dal loro sacrificio la Lega Nazionale vuole rendere indelebile, anche su internet, il ricordo  di chi ha donato la vita per l'italianità di Trieste.


I RAGAZZI DEL '53

Oltree cinquant'anni fa Trieste visse un autunno intriso di speranza ma colorato di sangue. Si era agli ultimi momenti del governo militare alleato, il ritorno dell'Italia a Trieste sembrava cosa fatta, ma fra il 4 e il 6 novembre del 1953, la piazza si animò e, da una situazione di dissidio che, probabilmente, poteva essere controllata, si giunse allo scontro. Sei triestini: Addobbati, Paglia, Montano, Zavadil, Manzi e Bassa, persero la vita. Numerosi furono i feriti. Qualcuno venne arrestato. Altri, per evitare che ciò accadesse, furono allontanati dalla città proprio grazie al pronto intervento della Lega Nazionale.
Si era al culmine di un decennio tremendo e tremendo fu quel novembre di cinquant'anni fa.

In occasione del Cinquantenario del ritorno di Trieste all'Italia il Presidente della Repubblica ha insignito della Medaglia d'Oro al Valore Civile i 6 triestini che hanno dato la vita per la patria in quei giorni del '53.

Libri, DVD, cartoline commemorative

Esodo degli Istriani, Fiumani e Dalmati - Alla fine della seconda guerra mondiale 350.000 italiani d'Istria, Fiume e Dalmazia hanno dovuto abbandonare tutto, la casa, i beni, il lavoro - tutto - per fuggire dalla furia dell'occupazione slavo-comunista.

Le vicende dei beni abbandonati nell'Esodo

Libri, DVD e gadget

Se volete avere libri, DVD e gadget della Lega Nazionale

cliccate QUI 

Ultima novità:

Per un grande amore 

I Giovani della Lega nazionale

 

 

Vuoi partecipare alle nostre attività? Vuoi collaborare con la Lega nazionale? Ha i voglia di portarci le tue idee, di mettere a frutto le tue capacità?

 

carto3pic

 

Il gruppo Giovani (18 ai 35 anni) si incontra

presso la sede di Via Donota 2

scrivici o chiamaci!