• 040365343
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Perseguitati politici dal regime comunista di Tito: finalmente un atto di giustizia (forse)

Si tratta di cittadini italiani finiti nelle carceri jugoslave, costretti al lavoro forzato, trattenuti – contro la loro volontà- in territorio jugoslavo: la vigente normativa previdenziale italiana li escludeva (e li esclude), contro i più elementari principi di giustizia.

Roberto Berri da anni sta combattendo una battaglia – spesso solitaria – contro tale iniquità. Oggi, finalmente, la sua tenacia sta avviandosi a raccogliere dei frutti.

L’on. Roberto Menia ha presentato alla Camera un progetto di legge (n: 619) che interviene a sanare tale ingiustizia e la XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) ha iniziato a discuterlo nella seduta del 27 gennaio 2005. Proposte analoghe erano state presentate anche nelle precedenti legislature, ma non erano mai giunte alla presa in esame. L’augurio è che questa volta il Parlamento italiano faccia finalmente il suo dovere e porti all’approvazione di questa legge che recita “ norme per il riconoscimento della qualifica di perseguitato politico e dei diritti previdenziali agli esuli istriani, fiumani e dalmati trattenuti in territorio jugoslavo”.

Libri, DVD e gadget

Se volete avere libri, DVD e gadget della Lega Nazionale

cliccate QUI 

Ultima novità:

Per un grande amore 

I Giovani della Lega nazionale

 

 

Vuoi partecipare alle nostre attività? Vuoi collaborare con la Lega nazionale? Ha i voglia di portarci le tue idee, di mettere a frutto le tue capacità?

 

carto3pic

 

Il gruppo Giovani (18 ai 35 anni) si incontra

presso la sede di Via Donota 2

scrivici o chiamaci!