Essere italofoni - Trieste 22 ottobre 2016

Stampa

2016-10-22-convegno Essere Italofoni1

2016-10-22-convegno Essere Italofoni2

Per il secondo anno consecutivo l'Associazione Trieste Pro Patria, la Lega Nazionale di Trieste ed il gruppo facebook denominato "Essere Italofoni®", organizzano due giornate patriottiche all'insegna dell'italofonia e dell'italianità.

L'evento viene volutamente organizzato il fine settimana più vicino ad una delle date simbolo per il capoluogo ovvero l'importante anniversario del ritorno di Trieste all'Italia del 1954. Infatti, anche l'edizione 2016, viene organizzata in quelle giornate della settimana e, più precisamente, venerdì 21 e sabato 22 ottobre.

Nella prima giornata ovvero il 21 ottobre alle ore 20.00 presso la Sala Conferenze della Lega Nazionale, verrà organizzata una conferenza con i responsabili de "la Voce del Ribelle" dal titolo "Omologazione Globale o Sovranità Nazionale?" Verranno quindi trattate le tematiche sulla questione linguistica come parte della dipendenza culturale dal modello anglosassone e veicolo di una determinata visione della vita, il ruolo della TV e del circo mediatico, le alternative alla colonizzazione dell'immaginario collettivo in termini di Sovranità culturale e Sovranità linguistica e cenni di resistenza individuale e Comunitaria.

La seconda giornata si strutturerà in due parti: nella prima, che avrà luogo sempre presso la Sala Conferenze della Lega Nazionale, si terrà il convegno denominato "L'Italia oltre i confini". Durante questa prima parte interverranno, uno per volta, i rappresentanti delle comunità italofone di molti paesi europei portando all'attenzione della platea, le proprie esperienze in merito all'utilizzo della lingua italiana nelle varie nazioni del continente e non solo. Nella prima edizione, gli esponenti che hanno avuto piacere di partecipare a questo importantissimo convegno, provenivano dall'Istria, da Fiume, dalla Dalmazia, da Nizza, dalla Corsica, dal Canton Ticino e da Malta: avrebbe partecipato anche un rappresentante degli italiani di Crimea ma per alcuni motivi non è riuscito a raggiungere la nostra città ed ha comunque inviato un messaggio da leggere al pubblico presente in sala. Oltre ai molti rappresentati sopra elencati, hanno preso la parola anche i rappresentanti delle varie associazioni degli Esuli Giuliano-Dalmati oltre che ad un iniziale intervento dei presidenti delle associazioni organizzatrici.

Dopo un pranzo comunitario presso locali tipici della nostra città, facendo assaggiare agli ospiti le varie pietanze locali, e dopo una camminata presso il centro storico, si svolge la seconda parte della manifestazione ovvero un corteo patriottico per le vie del centro del capoluogo regionale con partenza alle ore 18.00 presso la centralissima piazza Guglielmo Oberdan. Come detto in precedenza, il corteo ed i partecipanti, intendono ricordare anche quest'anno l'importante anniversario del ritorno di Trieste alla Madre Patria del 1954 e tutte le tragiche vicende annesse quali i morti del 1953, le foibe, l'esodo e l'eccidio di via Imbriani, affinché sia la storia delle nostre zone che di conseguenza le drammatiche vicende delle nostre genti non vengano dimenticate. L'Associazione Trieste Pro Patria, inoltre, affronterà durante la manifestazione anche temi d'attualità quali, ad esempio, la questione sulla sempre maggiore cessione della sovranità italiana in vari campi, l'imposizione da parte dei poteri sovranazionali dello scioglimento degli Stati Nazionali, ecc.. Sia in via Imbriani che in piazza Sant'Antonio, verranno deposti due mazzi di fiori presso le rispettive targhe, in ricordo dei caduti del 5 maggio 1945 e dei morti delle giornate di Trieste del novembre 1953.