VIA i monumenti agli infoibatori!

Stampa

Appello alle Amministrazioni tutte affinchè verifichino la presenza di monumenti, targhe, intitolazioni che in qualsivoglia maniera risultino celebrative dell’occupazione jugoslava di Trieste dal 1 maggio 1945 al 12 giugno 1945 e dispongano la rimozione di tali monumenti, targhe e intitolazioni in quanto in contrasto con la Legge 30 marzo 2004 n. 92 - Raccolta di firme anche su facebook

La LEGA NAZIONALE
premesso

- che con Legge 30 marzo 2004 n. 92 lo Stato Italiano ha istituito un “Giorno del Ricordo” in memoria delle vittime delle Foibe, al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia delle Foibe nel secondo dopoguerra;
- che detta Legge, approvata dal Parlamento con larghissima maggioranza, ha solennizzato tale riconoscimento, stabilendo il “Giorno del Ricordo” come solennità civile;
- che dopo tale atto compiuto dal Legislatore, non sono più leciti dubbi, contestazioni o negazioni circa il carattere criminoso di quanto compiuto dai partigiani comunisti jugoslavi di Tito durante la loro occupazione di Trieste dal 1 maggio 1945 al 12 giugno 1945;
- che esistono tutt’ora sul territorio monumenti, targhe, intitolazioni che esaltano tale occupazione titina e ciò in palese contrasto con i sentimenti dei famigliari delle vittime di quella tragedia ma anche con la volontà espressamente manifestata dal Legislatore con la Legge 30 marzo 2004 n. 92;

fa appello

alle Amministrazioni tutte affinchè
·    verifichino, nelle aree di propria competenza, la presenza di monumenti, targhe, intitolazioni che in qualsivoglia maniera risultino celebrative dell’occupazione jugoslava di Trieste dal 1 maggio 1945 al 12 giugno 1945;

·    dispongano la rimozione di tali monumenti, targhe e intitolazioni in quanto in contrasto con la Legge 30 marzo 2004 n. 92;

invita

i Cittadini tutti e le Associazioni ad aderire al presente appello anche sottoscrivendo  lo stesso .

Trieste, 16 dicembre 2008

IL PRESIDENTE
avv. Paolo Sardos Albertini