LA VENEZIA GIULIA NON PUO' FESTEGGIARE IL 25 APRILE

Stampa

COMUNICATO STAMPA

La Venezia Giulia non può festeggiare il 25 aprile

 

                Il 25 aprile, festività nazionale per ricordare la liberazione dal fascismo e dal nazismo, nella Venezia Giulia, diversamente che nel resto del Paese, ha coinciso non con una liberazione bensì con la brutale occupazione delle truppe comuniste del maresciallo Tito.

            Che la volontà non fosse quella di liberare Gorizia dalle truppe naziste ma di annettere alla Jugoslavia tutta quella che Tito chiamava Slavia Veneta, ovvero il Friuli Venezia Giulia sino al Tagliamento, era evidente e dichiarata. Se non fossero entrate le truppe titine, infatti, sarebbero entrate quelle neozelandesi, che invece furono rallentate dai titini proprio per poter vantare diritti di occupazione al tavolo dei vincitori.

            Per snazionalizzare rapidamente Gorizia e per soffocare sul nascere ogni tentativo di ribellione dal 2 maggio iniziò il rastrellamento di tutti coloro che potevano rappresentare un pericolo per le aspirazioni annessionistiche di Tito. Tra questi la burocrazia goriziana e chi aveva manifestato con eccessivo entusiasmo la propria italianità.

            Oltre 650 goriziani pagarono con la deportazione –avvenute a guerra finita dopo il 25 aprile- e la vita il loro amore per Gorizia e l’Italia.

            Questo rappresenta per i goriziani il 25 aprile, e non certo la liberazione, che invece avverrà dopo i cosiddetti “quaranta giorni di terrore”.

            Rispettiamo i sentimenti di tutti coloro che, in diversa misura, hanno subito torti o violenze dai regimi. In primo luogo la comunità ebraica, che ha pagato duramente con milioni di vittime la ferocia dell’uomo sull’uomo. Anche la comunità slovena che ha subito tentativi di snazionalizzazione in questa area di confine, anche con inammissibili atti di violenza e soprusi.

            Non c’è commemorazione civica, non c’è testo scolastico per i nostri figli che non ripeta il ritornello – proposto come dogma indiscutibile -  dei “criminali di fascisti vinti dai partigiani comunisti, eroi della libertà e della pace”. Queste falsità madornali si trovano da sempre su tutti i testi scolastici dei nostri ragazzi come se fossero pura verità, inconfutabile e indiscutibile.

            In realtà è vero che i partigiani hanno contribuito a liberarci dalla dittatura fascista, ma è altrettanto vero che gli stessi, dopo il famoso 25 aprile ‘45, dietro comando dei vertici comunisti, si sono ricompattati nei cosiddetti “Comitati del popolo” allo scopo di condurci verso una dittatura ben peggiore, quella comunista, dilagata nel mondo intero e che in Italia è stata arginata, quasi per miracolo, dalle elezioni del ’48 con la vittoria della “Democrazia Cristiana”, alla quale si giunse anche grazie alla scissione socialista di Palazzo Barberini del ’47, dalla quale nacque il Partito Socialdemocratico di Giuseppe Saragat che spezzò il fronte socialista di dipendenza comunista.

             Rispettiamo tutti coloro che individuano nel 25 aprile la festa della liberazione, ma parimenti va rispettato chi continua –come noi- ad associare il 25 aprile non già ad una liberazione, bensì alla brutale occupazione comunista, che rappresenta, per tempi e modalità con cui è avvenuta, la pagina più nera della storia della nostra città: consumata a guerra finita e come vittime inermi degli innocenti.

            Al di là della data, l’ANVGD è vicina a chi festeggia la liberazione da ogni sopruso e violenza, da ogni regime: nazista, fascista e comunista. E’ vicina ai partigiani che in tutt’Italia hanno imbracciato il fucile per difendere il suolo patrio e per liberare l’Italia da tutti questi regimi, condannando invece chi è stato mosso invece dalla volontà di imporre al Paese un nuovo regime che avrebbe negato questa Libertà.

             Il Presidente - Rodolfo Ziberna