5 maggio 1945 a Trieste

Stampa

E' il terzo giorno (della famosa "quarantena titina") in cui la città di Trieste è sotto il controllo dell' "esercito" di Tito. In città il clima è di festa a seguito della capitolazione delle forze armate tedesche. Il popolo di Trieste però ancora non si è reso conto di ciò che lo attende.

tratto da Foibe: 60 anni di silenzi


(…) Il 5 maggio Trieste aspettava ancora di dimostrare la sua gioia per l'avvenuta liberazione. Il prepotente bisogno di esternare i proprio sentimenti in qualche modo non poteva più essere trattenuto. Era una mattina di sole e la primavera si faceva sentire con un impellente impulso di esultanza (...).
Così nacque quella manifestazione dopo tanti anni di schiavitù, in una presunta atmosfera di libertà, che doveva venir invece soffocata nel sangue innocente di 15 vittime. (...).
Già durante la prima mattinata si notava un movimento insolito (...).
Allorché dai quattro punti cardinali della città il popolo triestino saturo di impazienza si mosse, convergendo al centro, si effettuò il miracolo di fede tanto contenuto. Tutta la città si ammantò di tricolore. Vecchi e giovani, uomini e donne, radicali ed estremisti, tutti affratellati in un unico sentimento gridarono il nome della loro fede: Italia! (...) Mentre la marea di popolo si avviava lungo il Corso in direzione di Piazza Goldoni, cantando gli inni della propria passione, ad un tratto si udì un miagolare di mitragliatrice. Lo stupore più che il terrore, inchiodò per un attimo la massa del popolo allibita. Ma allorché si vide il terreno cospargersi di caduti e il sangue zampillare dalle ferite, il raccapriccio si impossessò degli animi ed un insano spavento primordiale attanagliò i cuori, Tutto sarebbesi aspettato tranne tale ignobile ed ingloriosa carneficina. I "drusi" ( l' "esercito" titino N.d.R.) curvi sulle armi, con il ceffo contratto in un'orribile smorfia di sadico piacere, sparavano all'impazzata sulla folla inerme. (...) Dopo l'inevitabile fuggi fuggi seguito alla sparatoria, e il conseguente ritiro delle bandiere tricolori dalle finestre per ovviare inutili rappresaglie, la calma tornò. Era una calma funebre però. Le strade ridivennero deserte e il corpo straziato delle vittime rimase in balia degli assassini i quali lo gettarono nel deposito mortuario all'ospedale (...).
Ecco i nomi delle vittime (che non troverete nei libri di storia, N.d.R.):

Per i morti:
1- Graziano Novelli, anni 20;
2- Carlo Murra, anni 19;
3- Mirano Sanzin, anni 26;
4- Claudio Burla, anni 21;
5- Giovanna Drassich, anni 69.

Per i feriti:
1- Albino Canaletti;
2- Manlio De Mattia;
3- Tancredi Kolarski, rimasto invalido;
4- Camillo Carmeli;
5- Angelo Cavezza;
6- Antonio Kreiser
7- Augusto Mascia;
8- Pina Solimossi;
9- Renato Artico
10- Marialuisa Fonda.


Il sangue di questi innocenti fece bella mostra di sé per parecchi giorni, sin tanto che la pioggia non lo lavò cancellando la traccia materiale, ma non riuscendo a togliere dall'animo dei triestini il ribrezzo e il disprezzo per i volgari assassini.
(...)
Tre mesi dopo, allorché il popolo triestino recavasi sul posto dell'eccidio per deporre delle corone in memoria dei suoi innocenti figli, una contro dimostrazione "progressista" tentò di turbare la sacra cerimonia, ma ebbe il fatto suo. Con coraggio, e meravigliati dell'inaspettata reazione, i manigoldi dell'unione antifascista italo-slava se la diedero a gambe. Più tardi quelle gentildonne del D.A.I.S. ( donne antifasciste italo-slave) approfittando dell'assenza di sorveglianza staccarono le corone e con i nastri si pulirono le scarpe (..).
Il 5 maggio tramontava in un'atmosfera cupa e tragica.