Libri a 60 anni dai moti del '53

"La Lega Nazionale e i ragazzi del '53"

Paolo Sardos Albertini e Piero Delbello, Edizioni Mosetti, Trieste 2013. ISBN: 9788890267422


"Gli ultimi martiri del Risorgimento"

Michele Pigliucci, Edizioni Mosetti, Trieste 2013. ISBN: 9788890267413.


I libri sono facilmente reperibili a Trieste e a Roma, oppure possono essere richiesti alla Lega Nazionale

(040.365343 - leganazionaletrieste@libero.it )

Libri, DVD e gadget

Se volete avere libri, DVD e gadget della Lega Nazionale

cliccate QUI 

Ultima novità:

Per un grande amore 

Foiba di Basovizza

 

Centro di Documentazione

presso la

Foiba di Basovizza

tutte le informazioni: www.foibadibasovizza.it

 

il Centro di Documentazione è aperto :
da Marzo a Giugno tutti i giorni dalle ore 10.00 alle ore 18.00

da martedì 1 luglio 2014 fino al 31 gennaio 2015 dalle ore 10 alle ore 14, chiuso il mercoledì.

 

 

Per informazioni e prenotazioni di visite guidate

telefonare al n. 040-365343

o mandare una e-mail al seguente indirizzo: info@leganazionale.it

 

Grande Guerra

Pagina principale Storia e vicende Il rumore del silenzio di Paolo Sardos Albertini

Ci sono diversi modi per contrastare una scomodo verità. Quello più facile ed immediato utilizza lo strumento del silenzio: per cancellare il ricordo di ciò che non deve essere ricordato, per impedire che i diretti testimoni parlino di ciò che sanno, per ottenere che gli altri, specie le giovani generazioni, vengano a conoscere quanto accaduto.

Il peso di questa condanna, del "silenzio storico", ha gravato per quasi mezzo secolo su una fetta di storia d'Italia. Il dramma di centinaia di migliaia di nostri connazionali (trecentocinquantamila, per chi ama queste tristi contabilità) costretti ad abbandonare case e beni, attività e cimiteri, costretti ad affrontare la via crucis dell'esilio; la tragedia di decine di migliaia di italiani brutalmente assassinati nelle Foibe carsiche; l'angoscia e la disperazione dei tanti loro cari cui è stato negato finanche il poter accogliere nella pietà le salme dei propri genitori, dei propri fratelli, dei propri figli.

Tutto ciò, avvenuto al confine orientale d'Italia, in quelle terre che portano il nome di Istria, Fiume e Dalmazia, è stato per quasi mezzo secolo rimosso dalla conoscenza dell'Italia ufficiale; i libri di scuola hanno ignorato tali vicende; le celebrazioni ufficiali, così copiose e solenni su altri temi, hanno rigorosamente cancellato ogni ricordo di esodo e foibe. E le nuove generazioni (tranne casi isolati, di chi aveva fonti familiari di testimonianza) hanno subìto, rigorosamente, la violenza di essere tenute nell'ignoranza di un qualcosa che rappresenta pur sempre un tassello, non irrilevante, della storia nazionale.

Poi, dopo quasi mezzo secolo da quelle vicende, è successo un fatto nuovo, clamoroso e non previsto da molti: il fallimento dichiarato del Comunismo ed il crollo, per implosione, del suo impero mondiale.

Solo dopo il fatale 1989, solo quando la Jugoslavia (edificata dal comunista Tito) si è decomposta in un panorama di balcanica barbarie, solo allora il mondo dei mass media, la pubblica opinione, il cittadino comune, la solennità dei ministri nelle cerimonie ufficiali hanno scoperto che le foibe non erano solamente un curioso fenomeno geologico e che la "pulizia etnica", che oggi tuffo il mondo condanna quando applicata tra i belligeranti della ex Jugoslavia, aveva avuto un suo preciso antecedente ad opera del comunista Maresciallo Tito e a danno di centinaio di migliaia di italiani. Qualcuno, tra gli spiriti più attenti e curiosi, si sarà chiesto perfino quale fine avessero fatto quelle terre d'Italia Orientale, quelle città che portavano i nomi di Capodistria, di Pola, di Fiume, di Zara, di Ragusa. Terre e città che per millenni erano state parte integrante della storia, della cultura, della civiltà di Roma e di Venezia, ma che sugli atlanti geografici (anche del Touring italiano, anche di illustri e rigorose case editrici nazionali) apparivano cancellate, perché al loro posto erano comparsi nomi nuovi ed esotici, quelli di Koper, di Pula, di Rijeka, di Zadar, di Dubrovnik.
Il silenzio di mezzo secolo, sull'esodo e sulle foibe, ha cominciato dunque molto timidamente ad essere incrinato, ma le resistenze continuano a farsi sentire ed il mare di ignoranza da colmare è tuttora, a dir poco, immenso. Negli anziani, negli adulti si tratta forse di far emergere un qualcosa di cancellato e di rimosso, ma ai giovani occorre fornire un'informazione totale: quella informazione che ancor oggi (nonostante le promesse dei mendaci Ministri della Pubblica Istruzione) latita totalmente dai libri di testo che i ragazzi si trovano tra le mani.
L'iniziativa "Il rumore del silenzio", promossa dallo Lega Nazionale di Trieste unitamente allo Fondazione Ugo Spirito e alla Provincia di Roma, il suo articolarsi nei due momenti della testimonianza nell'ambito scolastico e del conclusivo convegno scientifico, vuole propriamente rispondere a questa finalità: far conoscere più e meglio le tragiche vicende che hanno coinvolto l'Italia e gli italiani dell'Adriatico Orientale.
Una adeguata conoscenza di quanto accaduto sarà lo premessa migliore per il passaggio ulteriore. Capire il perché di tali vicende, individuare anche i responsabili di tali crimini, condannare - con gli strumenti delta giustizia storica - gli autori dei misfatti.
Il tuffo per impedire che la vicenda delle foibe e dell'esodo, dopo la condanna a cinquant'anni di oblio, debba ora subire l'iniquità delta manipolazione e del travisamento storico. Un generico ricordo dei fatti, senza colpe e colpevoli di sorta, significherebbe aggiungere le beffe al danno. Perché il crimine delle foibe e la tragedia dell'esodo hanno avuto un regista ben preciso. Il "rumore del silenzio" dovrà aiutare a capire chi sia stato a gestire sia gli anni di sangue che i decenni di oblio e chi a tutt'oggi continui ad ostacolare il percorso della verità e della giustizia.

 

Trieste, novembre 2001
Paolo Sardos Albertini Presidente
dello lega Nazionale
prefazione a "Il rumore del silenzio"