Foiba di Basovizza

 

Centro di Documentazione

presso la

Foiba di Basovizza

tutte le informazioni: www.foibadibasovizza.it

 

la Foiba di Basovizza
è un monumento all'aperto, senza quindi limiti di orari.
il Centro di Documentazione
marzo/giugno dalle 10 alle 18 - aperto tutti i giorni

luglio/febbraio dalle 10 alle 14 - chiuso il mercoledì, Natale e Capodanno

ingresso gratuito
 

 

Per informazioni e prenotazioni di visite guidate

telefonare al n. 040-365343

o mandare una e-mail al seguente indirizzo: info@leganazionale.it

 

Libri a 60 anni dai moti del '53

"La Lega Nazionale e i ragazzi del '53"

Paolo Sardos Albertini e Piero Delbello, Edizioni Mosetti, Trieste 2013. ISBN: 9788890267422


"Gli ultimi martiri del Risorgimento"

Michele Pigliucci, Edizioni Mosetti, Trieste 2013. ISBN: 9788890267413.


I libri sono facilmente reperibili a Trieste e a Roma, oppure possono essere richiesti alla Lega Nazionale

(040.365343 - leganazionaletrieste@libero.it )

Libri, DVD e gadget

Se volete avere libri, DVD e gadget della Lega Nazionale

cliccate QUI 

Ultima novità:

Per un grande amore 

Grande Guerra

Pagina principale Notizie

Riceviamo dall'ANVGD:

 

Si comunica che è intervenuta una modifica nella documentazione da presentare per chiedere l'indennizzo ai sensi della Legge slovena sulla riparazione dei torti. Il Ministero della Giustizia sloveno infatti non richiede più i certificati di nascita per le persone nate nel territorio attualmente ricompreso sotto la sovranità della Repubblica di Slovenia. Chi invece è nato fuori da tale territorio deve rivolgersi allo Stato civile del Comune di residenza, se l'atto è stato trascritto, altrimenti al Comune o alla Parrocchia di nascita.


Riepilogando, i documenti necessari da allegare alle domande sono: fotocopia della carta d'identità; fotocopia del codice fiscale; estratto del certificato di nascita (solo se la persona è nata fuori dal territorio attualmente ricompreso sotto la sovranità della Repubblica di Slovenia; se l'atto è stato trascritto, deve rivolgersi allo Stato civile del Comune di residenza, altrimenti al Comune o alla Parrocchia di nascita); certificato delle vicende domiciliari (€ 16,52) a partire dall'anno in cui la persona è arrivata in Italia, da richiedere in un Centro civico del Comune di residenza; qualifica di profugo (con bollo da € 16,00) da richiedere alla Prefettura (per chi non possiede tale qualifica occorrono due testimoni con la fotocopia del loro documento d'identità e del codice fiscale, più la loro dichiarazione di essere a conoscenza dei fatti narrati dal richiedente); fotocopia del libretto di lavoro (per chi non lo avesse avuto in quel periodo, a partire dal momento in cui iniziò a lavorare in Italia).


Certificati da richiedere per le persone decedute: certificato di morte; certificato delle vicende domiciliari (dalla data di arrivo in Italia); certificato di cittadinanza (con la data di acquisizione della cittadinanza italiana); fotocopia del libretto di lavoro.


Per consulenza e assistenza nella compilazione delle domande gli interessati possono rivolgersi: all'Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia - Comitato di Trieste nella sede di Via Milano 22 il martedì e il giovedì tra le 15.30 e le 17.30 (telefono 040 366877); all'Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia - Comitato di Gorizia in Passaggio Alvarez 8 il martedì e il giovedì tra le 17.30 e le 18.30; all'Associazione delle Comunità Istriane in Via Belpoggio 29/1 a Trieste dal lunedì al venerdì in orario 10-12 e 17-19 (telefono 040 314741); oppure scrivere all'indirizzo mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

 

L’associazione culturale “Comitato 10 Febbraio” ha lanciato oggi una petizione online per chiedere al Senato il ritiro del Disegno di Legge S.1935, intitolato “Disposizioni concernenti i militari italiani ai quali è stata irrogata la pena capitale durante la prima Guerra mondiale”.

Il disegno di legge prevede la completa riabilitazione militare di tutti i soldati italiani fucilati, nel corso della Prima Guerra Mondiale, dai tribunali militari con l'accusa di diserzione, fuga di fronte al nemico, rivolta e ammutinamento. In caso di approvazione tutti i soldati italiani fucilati per aver disertato saranno equiparati agli eroi caduti per l'Italia.
L'articolo 2, in particolare, prevede l'affissione, in un'ala del Vittoriano in Roma, di una targa nella quale la Repubblica "rende evidente la sua volontà di chiedere il perdono di questi nostri caduti".

La proposta è stata approvata alla Camera dei Deputati con un incredibile voto unanime (un solo astenuto).

Il Comitato 10 Febbraio condivide la doverosa pietà umana nei confronti di questi nostri compatrioti, ma chiede il ritiro della proposta di legge in quanto il riconoscimento militare di quanti fuggirono dal campo di battaglia rappresenterebbe un definitivo discredito nei confronti della memoria di Cesare Battisti, Nazario Sauro, Enrico Toti e dei tanti eroi che affrontarono la morte pur di difendere la Patria e la libertà.

La questione è già stata notata dal prof. Pier Franco Quaglieni e da Angelo Panebianco che, in un articolo, si è domandato: «Se chi diserta ha la stessa dignità di chi combatte, cosa diventa lecito pensare di quelli che, nonostante tutto, scelgono di obbedire agli ordini? E che cosa pensare, poi, di quelli che, rispettando gli ordini, addirittura muoiono in combattimento?».

È con questa domanda che chiediamo a tutti i partiti politici di votare contro la proposta di legge e di tributare i doverosi onori a quanti hanno sacrificato la propria vita per la difesa della nostra libertà.

Per firmare la petizione è sufficiente visitare il sito: http://www.thepetitionsite.com/it-it/947/446/944/ritirare-la-legge-che-equipara-i-disertori-agli-eroi-della-prima-guerra-mondiale./

 

Comunicato di Trieste Pro Patria
2015-09-TPPa

Oggi 13 settembre 2015, in questo giorno in cui alcuni strani movimenti manifestano la loro italofobia per nulla mascherata, l'associazione "Trieste Pro Patria" presidia simbolicamente la sede della Lega Nazionale a ricordo delle persecuzioni nei confronti degli italiani causate dalle varie occupazioni straniere delle nostre Terre, da quella austroungarica, a quella tedesca, a quella jugoslava a quella britannica.

 

2015-09-TPPbIn particolare non si possono dimenticare nel 1898 gli incendi delle scuole della Lega Nazionale a Santa Croce e Duino Aurisina, il 23 maggio 1915 l'incendio della sede della Lega Nazionale di via Mazzini (contemporaneamente alle sedi della Società Ginnastica Triestina e del Piccolo), nel 1928 l'incendio della scuola materna e del doposcuola della Lega Nazionale ad Opicina nonché i caduti di via Imbriani del 1945 e quelli del 5 e 6 novembre del 1953 e tanti altri che hanno dato la vita per la nostra libertà.

 

Rifiutando le banali e cialtronesche semplificazioni di natura etnica sulle motivazioni della crisi che attanaglia la nostra città, cavallo di battaglia dei sedicenti movimenti secessionisti, Trieste Pro Patria, quindi, condanna senza mezzi termini l'italofobia propagandata a buon mercato, invita la cittadinanza a respingere tali aberranti tesi e a lottare con il Tricolore come fecero i nostri padri, i nostri nonni ed i nostri antenati, per Trieste in una Italia sovrana e migliore di questa disegnata da lobbies mondialiste, comitati d'affari apolidi e potentati finanziari internazionali che nulla hanno a che fare con la nostra storia e la nostra Patria. VIVA L'ITALIA."

 

ASSOCIAZIONE TRIESTE PRO PATRIA

 


klinger11

 

 

IN MEMORIA DI

WILLIAM KLINGER

Ricordi collegiali e d’amicizia

 

 

 

Interverranno:

 

Paolo SARDOS ALBERTINI, presidente della Lega Nazionale - Trieste

 

Andrea BELLAVITE, giornalista, già insegnante di Filosofia, Teologia fondamentale e storia delle religioni presso la Facoltà Teologica del Triveneto , nelle sedi di Udine e di Trieste;

 

Gianluca VOLPI , docente di Storia moderna all’Università degli Studi di Udine;

 

Ilaria ROCCHI, redattore settore cultura de “La Voce del Popolo” di Fiume

 

Paolo RADIVO, direttore de “L’Arena di Pola”

 

Ivan BUTTIGNON, politologo, dottore di ricerca in Storia contemporanea e collaboratore didattico dell’Università di Trieste

 

 

 

L’appuntamento è per giovedì 17 settembre 2015 alle ore 18.00, nella sede sociale della Lega Nazionale, via Donota 2/III piano.

 

klinger10

 

 

 

 

 

 

 

                              

Comunicato stampa della Federazione delle Associazioni degli Esuli Istriani, Fiumani e Dalmati

Nell'ambito del programma del 'Meeting per l'amicizia fra i popoli' che si tiene a Rimini dal 20 al 26 agosto, si sta svolgendo la mostra sulle vicende dell'Esodo Giuliano-Dalmata dal titolo "Tu Lascerai Ogni Cosa Diletta Più Caramente"
Il successo di pubblico, che in 36 ore di apertura della mostra (dalle ore 12 di giovedì 20, alle 24 del 22) ha registrato, secondo i dati ufficiali, la presenza di circa seimila visitatori, sorprende gli stessi curatori, cosi come sorprende, con grande soddisfazione, l'interesse di un vasto e colto pubblico per la 'scoperta' di una pagina ancora poco nota della storia italiana del Novecento.
Il messaggio della mostra - inserito dentro il tema del Meeting 'Di che è mancanza questa mancanza, cuore, che a un tratto ne sei pieno?' - tesa a chiarire alcuni episodi e a definire termini e luoghi delle vicende delle genti giuliano-dalmate a cavallo della Seconda guerra mondiale, si concentra sul programma intrapreso in questi ultimi tre anni dal mondo Associativo che si riferisce alla FederEsuli. Un programma ideale sostanziato in tante attività tese a difendere la Memoria, nonché l'etica e la prospettiva di un popolo in esilio, come esempio per gli eventi drammatici del presente.
In particolare, tale prospettiva è costituita dalle nuove generazioni dei figli degli esuli che, andando al di là del confinamento nel vittimismo voluto dalla 'ragion politica', puntano sui diritti inalienabili fino ad oggi ancora negati. Istanze che vanno dal diritto a non essere considerati stranieri nella Terra di origine delle proprie famiglie, cosi come il vedere riconosciuto, una volte per tutte, un giusto ed equo indennizzo, da parte dello Stato italiano, per il debito di guerra pagato nei confronti della ex-Jugoslavia con i beni che quel popolo fu costretto ad abbandonare.
Il successo della mostra - rappresentativa di tutte le realtà Associative giuliano-dalmate e curata, specificamente dall'Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, dal Coordinamento Adriatico e dal Centro Documentazione Multimediale della cultura giuliana,
istriana, fiumana e dalmata di Trieste - non dà solo vigore ed impulso, ma incrementa il consenso ormai a livello nazionale alle vicende del nostro confine orientale e delle istanze portate all'attenzione del grande pubblico con l'azione di chi lavora, giorno dopo giorno, per affermare un'ideale di giustizia.

dr. Antonio Ballarin
Presidente Federazione delle Associazioni degli Esuli Istriani, Fiumani e Dalmati
Roma, 23 agosto 2015

Altri articoli...