LEGA NAZIONALE 
Contro la Libertas, la Lega concede il bis!
Lega Nazionale basket - novembre 2005

Più che la terza partita di campionato, quella fra Libertas e Lega in casa Aurisina sembrava un puntata speciale di E.R.: Sgubin,Camber, Fermo fuori gioco per malanni fisici, Moro e Baldini acciaccati ma presenti, la squadra dimezzata e con le stampelle si apprestava a giocare l'importante sfida di sabato sera, annoverando fra le proprie fila, di necessità virtù, coach Paolo Pocecco.

Se inizialmente le premesse sembravano disegnare un infausto presagio sulle sorti del match, il basket giocato dava riscontri più positivi,da più punti di vista:
innanzitutto in chiave tattica, la zona 2-3 e 3-2 proposta dal coach della Lega, mette in confusione i giovani della Libertas, obbligandoli a un passing game esterno senza costrutto e a portare i propri lunghi fuori dall'area pitturata. Offensivamente, e contrariamente alla logica del ritmo controllato, Moro e compagni spingono sull'acceleratore trovando facili conclusioni sia da sotto che dal perimetro.

La cosiddetta "coperta corta" riferita alla zona, come la definisce Pocecco, palesa tutti i limiti nel secondo quarto, allorché le rotazioni difensive sugli esterni non sono puntuali, provocando tiri da tre a ripetizione, ma soprattutto concedendo alla esuberante batteria di guardie locali, rimbalzi offensivi senza soluzione di continuità; conseguenza logica la freccia del sorpasso da parte dei ragazzi di Edera e un nervosismo mal celato fra gli uomini di Aurisina.

Non bastasse questo quadro poco idilliaco, verso la fine del secondo quarto, Claudio Lena, cadendo sul piede avversario dopo un tiro da tre, subisce una distorsione alla caviglia che lo metterà fuori per tutta la gara.

Di marchio caratteriale il ritorno dagli spogliatoi, la sproporzionata età media della Lega fa si che tutto ciò si trasformi in esperienza: contatti ruvidi nascosti agli arbitri, pressione gestita a dovere in fase d'attacco e sana provocazione sportiva agli avversari; il resto lo fa Calcina, decisivo in tutte le zone del campo, felice continuazione del buon match disputato una settimana fa con la Virtus.

Dopo il controsorpasso, anche raggiungendo i 7-8 punti di margine, il match sembra aver spostato l'inerzia definitiva verso gli uomini di Aurisina, ignari del temperamento Libertas, trascinata da un play tascabile di rara efficacia; l'ultimo quarto è vissuto sul filo dell'equilibrio, fra un libero segnato e un tiro da tre, registrando l'acuto probabilmente decisivo sul tap-in offensivo di Roberto Basile, nel finale, insinuato fra le "torri" in maglia biancorossa.

Gli ultimi due minuti sono un trattato di "control-game" da parte di Stefani e soci, passaggi veloci e all'uomo libero per far trascorrere i secondi che dividono la Lega dal secondo successo stagionale, 77-73 finale.

Il prossimo impegno è fra i più tosti, vedrà la Lega Nazionale opporsi al Nobasket che, paradossalmente, di basket ne mastica e parecchio; con l'incognita Bussani, i pericoli maggiori vengono da uomini d'esperienza e qualità come Gallo, Iurkich e Bisca. Se la Lega riuscirà a recuperare gli effettivi, avrà senz'altro dalla sua una condizione atletica superiore, da far rispettare al PalaAurisina, in un clima che si spera meno "gelido" del solito.

Lega Nazionale - Nobasket Palestra di Aurisina venerdì ore 21.15

LA CLASSIFICA DI PROMOZIONE

Fuoricentro pt. 6
Cicibona 6
Lega Nazionale 4
Virtus 4
Dlf 2
Nobasket 2
Skycrapers 2
Libertas 2
Barcolana 2
Servolana 0


Raffaele Baldini