LEGA NAZIONALE 
Lega, che occasione persa!
Lega Nazionale basket - dicembre 2005

Quello che più infastidisce un qualsiasi sportivo è aver la sensazione di aver buttato un'occasione d'oro: bene, questo vivido sentimento ha permeato lo spogliatoio Lega alla fine della sconfitta contro il Nobasket di venerdì per 65-73.

Certo, a cospetto dei ragazzi di Aurisina non c'era una compagine di sprovveduti: Bisca, Carbonera, Iurkich, Valente, Cortivo solo alcuni dei nomi del roster, tutti fino a pochi anni or sono militanti in categorie superiori.

Resta il fatto che già nel primo quarto la Lega poneva le basi per un dominio sul controllo del gioco di chiara matrice: contropiede e gioco in velocità. Il quintetto "pilotato" dalle scorribande di Stefani prendeva qualche punto di vantaggio proprio andando ad attaccare voracemente il canestro ospite, concedendo solo punti dalla lunetta ai "navigati" giocatori del Nobasket.

La seconda frazione è caratterizzata da uno stravolgimento negli uomini di coach Pocecco i quali, non certo per incapacità tecnica, entravano con più difficoltà nella partita ma soprattutto nel ritrovare il filo conduttore della prima frazione; devastante parziale per andare all'intervallo e Lega sotto di 13, il primo rammarico affiora pesante nella testa dei giocatori.

Alla ripresa delle ostilità non può che esserci un moto sussultorio Lega, più spinto dalla rabbia che dalla razionalità; si riprende a correre e si cercano di aumentare i giri ad una difesa un po' accondiscendente. Recuperare nuovamente a una squadra così ben strutturata tecnicamente e mentalmente è impresa ardua, fatto sta che il ritmo forsennato di Stefani e due bombe di fila del solito Calcina riaprono il match e ribaltano il risultato, danno nuovamente il vantaggio Lega sul +3.

L'inerzia a questo punto è dominio d'Aurisina, il morale deborda e triplica gli sforzi, forse quello che nuovamente inguaia i ragazzi di Pocecco è la testa, il pensiero di aver raggiunto l'obiettivo prima del quarantesimo minuto, aggiunto a una logica stanchezza nel aver attuato il massimo sforzo per riprendersi la partita sembra paradossalmente aver nuovamente "fermato" la macchina; ebbene, a questo punto le piccole cosa fanno la differenza, il Nobasket continua a macinare basket sfruttando ogni disattenzione avversaria, non perde la bussola neanche un attimo e castiga con un tiro da tre e qualche conclusione da sotto ad alta percentuale. Per contro, l'attacco alla 3-2 ospite, porta la Lega ad uno sterile passing-game sul perimetro provando qualche estemporanea soluzione personale, i risultati conseguenti sono ovvi come ovvio è il più10 del Nobasket; gli ultimissimi minuti è solo un esercitazione dalla lunetta per Bisca e soci, i quali senza troppo faticare mantengono a distanza di sicurezza il vantaggio.
Peccato, l'occasione di guadagnare punti in classifica era ghiotta, adesso si torna nel mucchione di centro classifica, con alle porte una trasferta come quella contro il Ferroviario di indicibile difficoltà: quel campo e quei giocatori spesso sono risultati indigesti, anche se l'imperativo è vincere!

Prossimo appuntamento:

Dopolavoro Ferroviario - Lega Nazionale Palestra Addobbati, venerdì ore 21.15

 

Raffaele Baldini