LN del. Friuli
Le pagine della delegazione per il Friuli della Lega Nazionale
 

Dopo il 2001 molte cose sono cambiate nella nostra regione e in Italia : per esempio si può parlare di foibe e dell'esodo degl'Italiani dall'Istria, da Fiume e dalla Dalmazia senza passare per fascisti, si può parlare della storia del confine orientale e della sua italianità anche nelle scuole e nelle università dove dalla fine dell'ultima guerra mondiale fino a pochi anni fa un'unica parte politica ha dominato condizionando la cultura e i libri di testo.

Tuttavia non tutto è cambiato in positivo col nuovo secolo: il Parlamento ha approvato una legge di tutela della lingua slovena che crea vere e proprie situazioni di privilegio tra i cittadini italiani favorendo solo la componente slovena e oscurando gli altri gruppi linguistici più numerosi nella regione Friuli-Venezia Giulia.
I sostenitori di questa legge hanno subito approfittato per condurre una vasta campagna di slovenizzazione non solo a Trieste, e in tutta la provincia di Gorizia, ma anche nel Friuli centrale tentando di far entrare Cividale nella zona di tutela dello sloveno.

Tutti sanno che Cividale è l'antica Forum Iulii, la città che ha dato il nome al Friuli e alle genti giulie, la " città orientale " dei Longobardi, nonché la capitale morale dei Friulani.
Nell'area di tutela di questa legge sulla lingua slovena (la 38/01) sono cadute anche le Valli di Resia, del Torre e del Natisone dove da secoli vivono genti slave che nulla hanno a che fare con gli Sloveni attuali ; con le " Valli " stavano per cadere anche Gemona, Montenars, Pontebba e Tarcento.

Chiaramente nella provincia di Udine non tutti potevano restare inerti a subire queste ingiustizie etniche ai danni dei proprî paesi e delle proprie città. Per questo motivo un gruppo di studenti e d'intellettuali udinesi hanno chiesto alla Lega Nazionale di Trieste di aprire una delegazione in provincia di Udine.

 

La delegazione friulana della Lega Nazionale

> L'inaugurazione della delegazione friulana

> Le immagini dell'inaugurazione

> La Lega Nazionale al "Colle" articolo da "Il Gazzettino"

 

 

Mostre e manifestazioni e Notizie

 

Delegazione del Friuli - Delegazion dal Friûl

> Il Comune di Tolmezzo ha deliberato l'intitolazione a "Largo Vittime delle Foibe ed Esuli di Istria, Fiume, Dalmazia ed Alto Isonzo". Appena avremo altre informazioni le pubblicheremo su queste pagine

> Ricordo dell'Anniversario della nascita dello Stato Unitario Italiano (1861) e in memoria di tutti i Caduti sabato 15 marzo 2008 a Ragogna

> La mostra L'Italia dei confini fra Foibe ed Esodo - La Italie dai tiermins jenfri Floibis e Esut

> Commemorazione del 4 novembre a Taipana - italiano - torriano

> Il Giorno della Vittoria ricordato a Taipana

> 1945 - 1946 Diario di una prigionia - il libro - presentazione a San Daniele - fotografie della manifestazione 

> Cividale slovena? conferenza del 7 dicembre - Comunicato stampa

> L'Evangelista oltre Gorizia 1916 - 1917 conferenza del dott. Nicola Persegati

> L'Italia dei confini: articolo de il Messaggero Veneto 11/2/06

> Presentazione del volume  "L'Italia dei confini fra Foibe ed Esodo - La Italie dai tiermins jenfri Floibis e Esut"

> Presentazione del volume: "I forti del sistema difensivo del Friuli" di Marco Pascoli e Andrea Vassaz

> Seconda grigliata tricolore il 1 luglio 2006!  -  invito in pdf

> Convegno: "La Grande Guerra ai confini orientali d'Italia" il 23 settembre a Ragogna - invito

> Presentazione del volume: "I forti del sistema difensivo del Friuli" a Codroipo

> LA STORIA IN CAMMINO…… VERSO LA VERITÀ dedicata alla presentazione del libro «1943-1947. Storie... smarrite»

> Giorno del Ricordo 2007: commemorazione a Ragogna

> La Lega Nazionale delegazione del Friuli al Giorno del Ricordo a Ragogna (UD) - album fotografico

> La Lega Nazionale delegazione del Friuli al Giorno del Ricordo a Cividale del Friuli

> Giorno del Ricordo a Ragogna: perché certe polemiche?

> Il circuito dei siti della Grande Guerra - Ragogna 23 marzo

> Anniversario dell'Unità d'Italia - AlzaBandiera a Ragogna

> Fieste de Patrie dal Friul conferenza il 3 aprile 2007

> I Luoghi della Grande Guerra 

> Sabato 6 e domenica 7 ottobre Commemorazione della Battaglia del Monte di Ragogna [leggi il programma completo]

 

Bilinguismo in Friuli

> I conti non tornano: quanti soldi agli sloveni?

> No alla slavizzazione di Cividale - anche in formato pdf

> No a la sclavizazion di Cividât - anche in formato pdf

> Commento giuridico a prima lettura della Proposta di Legge Costituzionale d’iniziativa del Consiglio Regionale con esclusivo riferimento ai più significativi nodi problematici inerenti la tutela e la promozione delle lingue minoritarie  - dott. Luca Campanotto

> Slavofoni due quartieri di Gorizia

> A Gorizia si omaggia il poeta antiitaliano

> Bilinguismo nell'italianissima Ronchi dei Legionari - gennaio 2007

 

Storia

> Spignon: commemorazione in onore dei difensori del confine orientale

> C'è un'aquila che volteggia sopra di noi - Il simbolo dell'aquila da secoli è presente negli stemmi e delle insegne del Friuli (di Andrea Rossi)

> A Taipana anche lo Stato celebra il IX Korpus (di Marco Pascoli)

> Riflessioni sull'eccidio di Stremiz  (di Marco Pascoli)

> La Grande Guerra nel Friuli collinare  (di Marco Pascoli)

> I graffiti della Grande Guerra (di Marco Pascoli)


Lingua e identità

> Politica e linguistica: la Slavia "veneta" (di Massimiliano Verdini)

 

Altro

> Strumentalizzazione della Giornata del Ricordo

> Difendiamo il nostro diritto di ricordare - da il Gazzettino 7/2/06

> La delegazione friulana presenzia al Natale di Roma - 21 aprile 2006 di Francesco Brocchi

> 4 novembre: il Sindaco di Ragogna ricorda i Caduti per la libertà, dalla Grande Guerra all'Afghanistan

> Festa dello sport a Ragogna - 2 e 3 giugno 2007

> Corsi di formazione per gli esperti della Grande Guerra - il comunicato del Comune di Ragogna

 

 

DELEGAZIONE DEL FRIULI

via Umberto I, 57

33038 San Daniele del Friuli (Udine)

Telefono e fax 0432 942107

e-posta: leganazionale_ud@yahoo.it

Coordinatore: Massimiliano Verdini